Un utile netto consolidato di 68 mln cresce anche la solidità patrimoniale

di admin
Il Consiglio di Amministrazione presieduto da Paolo Bedoni ha approvato il bilancio d'esercizio 2009.

La performance positiva del Gruppo in controtendenza con il contesto macroeconomico.
Il Consiglio di amministrazione di Cattolica Assicurazioni, presieduto da Paolo Bedoni, ha approvato il Bilancio consolidato e il Progetto di bilancio d’esercizio 2009 della capogruppo. L’anno 2009 è stato caratterizzato dall’ulteriore conferma della positiva performance industriale del Gruppo, nonostante il difficile contesto macroeconomico e di mercato recessivo. L’efficienza industriale raggiunta si riflette principalmente nel segmento danni con un combined ratio pari a 97,5% (99,4% a fine 2008). I dati al 31 dicembre 2009 confermano la forte solidità patrimoniale del Gruppo con un patrimonio netto consolidato di 1.620 milioni in crescita del 28,1% rispetto al 31 dicembre 2008 (pari a 1.265 milioni), principalmente per effetto del miglioramento della riserva AFS (Available for Sale) che passa da -124 milioni di euro a +93 milioni con un progresso di 217 milioni. Il margine di solvibilità del Gruppo risulta in crescita rispetto al 31 dicembre 2008, da 1,55 a 1,78 volte il minimo regolamentare.
La solidità del Gruppo
La raccolta complessiva del lavoro diretto e indiretto è pari a 4.357 milioni di euro, rispetto ai 3.620 milioni nello stesso periodo del 2008 in miglioramento del 20,4%. Il Gruppo chiude l’esercizio con un utile netto consolidato di 68 milioni di euro rispetto ai 21 milioni dell’esercizio precedente (+223,8%); l’utile netto di gruppo è pari a 58 milioni di euro contro i 29 dell’esercizio precedente (+100%).
Utile netto a 58 milioni
La raccolta premi del lavoro diretto passa da 1.506 milioni di euro al 31 dicembre 2008 a 1.531 milioni a fine 2009 in miglioramento dell’1,7%. Si registra rispetto all’anno precedente una raccolta pari a euro 852 milioni nel comparto auto, in diminuzione del 2,5% rispetto a fine 2008. Si conferma il rafforzamento del Gruppo nei rami non auto che registrano un incremento del 7,4% rispetto all’anno precedente con una raccolta premi pari a euro 679 milioni. Il rapporto sinistri a premi complessivo risulta in questo modo in miglioramento rispetto all’anno precedente e pari al 70,7%.
Gestione vita
La raccolta del lavoro diretto si conferma in forte crescita rispetto all’anno precedente, attestandosi a 2.812 milioni di euro rispetto a 2.103 milioni a fine 2008 (+33,7%). L’andamento dei mercati con tassi di interesse in forte contrazione ha contribuito ad un ulteriore incremento della raccolta nei prodotti tradizionali di ramo I e V (+126%) e ad una contrazione dei prodotti di ramo III, index e unit linked (-76,8%). I fondi pensione risultano in crescita del 34,2%.
Gestione finanziaria
Il risultato degli investimenti è stato pari a 352 milioni (rispetto a 234 milioni al 31 dicembre 2008). Su tale risultato hanno influito svalutazioni (impairment) su titoli azionari ed, in parte minore, su titoli obbligazionari per un totale di 34 milioni9 di euro.
Rete distributiva
A fine 2009 la rete agenziale contava 1.463 agenzie (1.472 a fine 2008) così distribuite: 54,8% nel nord d’Italia, 23,5% nel centro e 21,7% nel sud e isole. Gli sportelli di istituti bancari che collocano prodotti del Gruppo al 31 dicembre 2009 erano 5.503 (2.647 a fine 2008). La partnership con ICCREA Holding è stata avviata il 1 luglio 2009 e, in termini di potenzialità, consentirà al Gruppo Cattolica di accedere, tramite BCC Vita, ad una rete di oltre quattromila sportelli bancari. La rete di Cattolica Previdenza a fine anno contava 419 consulenti previdenziali (296 ad inizio 2009).

Condividi ora!