Valorizzare gli asset immateriali nell’Alto Vicentino

di admin
Un convegno domani 15 aprile a Schio nella sede di Confindustria pone alcune riflessioni su come sarà possibile sviluppare l’impresa e il tessuto produttivo del territorio dell’Alto Vicentino servendosi degli asset immateriali.

Anche dal punto di vista finanziario e di accesso al credito.
Valorizzare e finanziare gli asset immateriali delle piccole e medie imprese dell’Alto Vicentino.
L’incontro in programma (domani) giovedì 15 aprile si terrà nella Sala Congressi di Confindustria a Schio a partire dalle ore 17 e fino alle 19,30.
“Si tratta di un evento importante per riflettere sulle opportunità e sulle strategie di sviluppo del nostro territorio” spiega Roberto Rigato, direttore generale di Banca Alto Vicentino, l’Istituto di credito cooperativo che opera con 11 filiali nel comprensorio e che negli ultimi anni ha sviluppato soluzioni e iniziative per sostenere le imprese.
Le PMI dell’Alto Vicentino hanno creato negli ultimi 30 anni un grande patrimonio di asset immateriali quali il marchio, le relazioni con i clienti e i canali di distribuzione, il know how tecnologico industriale, i brevetti, il design; ma anche il modello di business, la reputazione dell’imprenditore e dei dirigenti, le relazioni con i fornitori.
“Si tratta- continua Rigato- di un vero e proprio patrimonio, che non solo l’impresa ha il dovere di difendere nel momento della crisi, ma ancor più di valorizzare con strumenti di conoscenza e di ottimizzazione del lavoro. Tutto questo, se ben sfruttato, può portare sviluppo e ricchezza. Noi, come banca, ci occuperemo di illustrare e di rendere concrete le opportunità di accesso al credito e di finanziamento per asset immateriali”.
Il convegno, al quale sono invitati gli imprenditori della zona, è promosso dal raggruppamento di Schio e Thiene di Confindustria Vicenza.
Vi parteciperanno Renato Munaretto e Luigi Schiavo, Presidenti rispettivamente del raggruppamento di Thiene e di Schio e Domenico Drago, Presidente di Banca Alto Vicentino.
Relatori saranno anche Pier Angelo Biga, amministratore delegato ICM Advisors research, che presenterà uno studio sul valore strategico finanziario degli asset immateriali, valutando casi concreti di valorizzazione e di monetizzazione della proprietà intellettuale; e inoltre Franco Benvegnù, in rappresentanza dell’ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Vicenza.

Condividi ora!