Peep: “I prezzi li ha fatti lievitare il governo Prodi”

di admin
“Quello che veramente ha messo in crisi il Peep, purtroppo, è stata l’ultima finanziaria del governo Prodi, che ha fatto lievitare i costi delle aree, stabilendo l’obbligo per le amministrazioni pubbliche di pagare gli espropri a prezzo di mercato.

A ciò si aggiunge il fatto che questa Amministrazione si è trovata  a dover sbrogliare i ricorsi sorti a causa della confusa gestione da parte della precedente Giunta, che in cinque anni non era riuscita a far partire il Peep, come l’ex assessore all’Urbanistica dovrebbe ben sapere, visto che ne porta parte della responsabilità”.  Questa la replica dell’assessore al Peep alla conferenza stampa del candidato del PD, già assessore all’Urbanistica della giunta Zanotto. “Il nuovo bando Peep che stiamo preparando – continua l’assessore –  avrà infatti una filosofia totalmente diversa dal precedente e riuscirà a dare risposte concrete, e in tempi rapidi, anche sotto l’aspetto del contenimento dei prezzi degli alloggi pubblici. Quanto al costo degli alloggi Peep – conclude l’assessore – come il candidato del PD dovrebbe ben sapere, le modalità di calcolo dei prezzi di vendita al metro quadro degli alloggi Peep sono stabilite da una legge regionale del 1999:  sono quindi le medesime, rimaste invariate, sia in questa amministrazione comunale che nella precedente. Infine, per quel che riguarda l’azione di controllo del Comune, rassicuro che nella vendita degli alloggi finora realizzati nel primo Peep Sacra Famiglia sono stati eseguiti rigorosi controlli da parte degli uffici comunali sui requisiti richiesti dal regolamento, senza riscontrare irregolarità”.

Condividi ora!