Approvato il bando per l’innovazione tecnologica delle imprese per 2 milioni di euro

di admin
Si è tenuta oggi, presso la sala Consiglio della Camera di Commercio di Verona, la conferenza stampa di presentazione di un nuovo bando per contributi, recentemente approvato dal Consiglio, con il quale l’ente camerale interviene con un contributo diretto ed immediato a favore della micro, piccola e media impresa.

“Come altre nostre iniziative anche questa ha un importante “effetto leva” sull’economia veronese” spiega il Presidente della Camera di Commercio Alessandro Bianchi “questi sono fondi che arrivano subito alle imprese. E’ opportuno precisare che, nel periodo 1999/2009, a fronte di uno stanziamento complessivo di oltre 11,4 milioni di euro per favorire gli investimenti in innovazione tecnologica, sono pervenute all’Ente quasi 8 mila richieste di sostegno. Tenuto conto dell’effetto moltiplicatore del contributo camerale, che da un’attenta analisi degli investimenti realizzati dalle PMI veronesi risulta di 1 a 15, 1 euro di contributo favorisce investimenti per 15 euro, emergono le positive ricadute sul tessuto economico provinciale dello strumento in questione  pertanto oltre 170 milioni di euro nel corso del periodo considerato”
Il bando approvato dal Consiglio camerale per l’anno 2010 è il seguente:
“Incentivi alle PMI per l’innovazione tecnologica”,
per una somma pari a € 2.000.000,00
Inoltre, un’apposita Commissione è ancora al lavoro per definire altre agevolazioni, quali quelle per favorire l’accesso al credito per le imprese veronesi attraverso i Confidi, che potrà beneficiare di uno stanziamento pari a € 1.500.000,00 e un nuovo bando rivolto all’internazionalizzazione con un budget di € 400.000,00. Complessivamente l’Ente camerale destinerà 3,9 milioni di euro per favorire i processi innovativi, l’internazionalizzazione e l’accesso al credito delle PMI scaligere.
Il bando 2010 prevede la concessione a microimprese, piccole e medie imprese della provincia di contributi a fondo perduto fino ad un massimo di € 10.000,00 per impresa (importo elevabile a € 12.500,00 qualora il richiedente risponda ai criteri di impresa giovanile o femminile), per investimenti quali l’inserimento di metodologie di progettazione automatica collegata al processo produttivo, tecniche di automazione di fabbrica supportate da elaboratore, metodologie di controllo globale della qualità di prodotto, tecnologie all’interno di processi o prodotti tradizionali tecnologicamente maturi, sistemi informatici e di telecomunicazione innovativi (esclusa la creazione di siti internet e l’applicazione della normativa sulla privacy), rinnovo per l’ammodernamento di macchinari ed impianti tecnologici. L’investimento minimo per poter presentare domanda di contributo è di € 5.000,00 al netto di IVA. 
Potranno essere ammesse a contributo solo le spese effettuate a partire dal 3 maggio 2010 fino al 31 dicembre 2010.
Le domande di contributo potranno essere inviate alla Camera di Commercio dal 19 al 30 aprile 2010.
I moduli relativi al bando 2010 sono disponibili presso le 4 sedi della Camera di Commercio (Verona, San Bonifacio, Legnago e Villafranca) e sul sito Internet cameralewww.vr.camcom.it.
L’Ente camerale ha fortemente voluto fare la propria parte per supportare le imprese veronesi in questo periodo di crisi economica. L’obiettivo che ci si propone è quello di incentivare gli investimenti in innovazione tecnologica, attraverso uno strumento, il contributo, che può dare impulso all’innovazione stessa (e alla decisione di innovare da parte dell’impresa). L’innovazione, infatti, è a nostro avviso una delle carte da giocare per rafforzare la competitività sui mercati del nostro sistema imprenditoriale. Gli investimenti sono uno stimolo non solo per l’impresa, ma più in generale per tutto il sistema economico.
L’importo di 3,9 milioni di Euro destinato a questi bandi è solo una parte di quanto la Camera di Commercio ha destinato per la promozione e il supporto del sistema economico provinciale. Complessivamente è stata stanziata per il 2010 una somma di circa 9,4 milioni di euro che comprende, oltre agli interventi a favore del credito e per l’innovazione tecnologica, anche interventi a favore dell’imprenditoria femminile, per la commercializzazione e l’internazionalizzazione, il finanziamento della Fondazione Arena di Verona, interventi a favore dei settori del mobile e del marmo, l’attività di studi e ricerche ed altre azioni dirette allo sviluppo del territorio.

Condividi ora!