Poste italiane, un altro esercizio positivo utile netto a 904 milioni, +2,4%

di admin
Utile netto consolidato a 904 mln: +2,4%.

  Risultato operativo 1.599 mln: +8,8%
Ricavi totali 20 mld: + 12,6%
Servizi finanziari: + 8%
Servizi assicurativi: + 29%
Raccolta netta risparmio postale: 5,5 mld
Carte prepagate Postepay: + 22,8%
Sim Postemobile: + 95,4%
Il Bilancio Consolidato 2009 e il progetto di Bilancio della Capogruppo 2009, entrambi redatti secondo i principi contabili internazionali (IAS/IFRS), sono stati approvati ieri dal CDA di Poste Italiane. Il Gruppo chiude il Bilancio in positivo, registrando un Utile Netto in crescita del 2,4%, a 904 milioni (882,6 milioni nel 2008), e un Risultato Operativo che sale a 1,6 miliardi (1,5 nel 2008).
I Ricavi Totali aumentano del 12,6% a 20,1 miliardi con una performance particolarmente significativa dei servizi assicurativi (+29% sull’esercizio precedente). Anche i servizi finanziari consolidano il percorso di crescita con un aumento dell’ 8%. Di particolare rilievo è il risultato della raccolta del risparmio postale con circa 5,5 mld collocati sui buoni fruttiferi postali e sui libretti di risparmio, un dato che sottolinea l’alto livello di fiducia anche in un anno caratterizzato dalla crisi finanziaria globale. In flessione del 5% i servizi postali, un fenomeno comune a tutte le economie sviluppate per l’uso sempre più intensivo di internet. Poste Italiane sta rispondendo con il lancio di servizi innovativi che, facendo leva sulla tecnologia digitale e garantendo la massima sicurezza, rispondono all’evoluzione dei consumi e alle nuove esigenze della clientela.
“Anche nel 2009 – ha dichiarato l’Amministratore Delegato Massimo Sarmi – registriamo un utile in crescita, un risultato considerevole poiché è stato raggiunto in un anno segnato dalla crisi, che ha acuito anche il calo dei volumi postali. Questo ottavo bilancio consecutivo in utile e con risultati crescenti permette a Poste Italiane di affrontare la liberalizzazione del mercato postale con fiducia e con strumenti adeguati, grazie anche alla leva competitiva costituita dalla nostra esperienza di successo nel lancio di servizi ad alto contenuto tecnologico”.
La validità e l’ampiezza dell’offerta commerciale, associati alla forza del brand e alla reputazione di Poste Italiane, hanno trainato i risultati del comparto assicurativo: nel 2009 Poste Vita ha raggiunto il più alto fatturato della propria storia, collocandosi tra le prime compagnie in Italia. I premi emessi sono stati 7,1 miliardi di euro rispetto ai 5,5 miliardi del 2008 (+28,4%). La strategia di sviluppo sarà ulteriormente potenziata con la nascita di Poste Assicura, la società creata per il Ramo Danni.
I servizi finanziari hanno continuato a fornire un positivo impulso alla crescita dei ricavi. I conti correnti sono cresciuti del 2,7% a 5,5 milioni e le carte Postepay del 22,8% a 5,6 milioni, con una positiva risposta del mercato alla novità costituita dalla Postepay Twin, la carta “gemella” che consente di trasferire fondi con semplicità e sicurezza. Per quanto riguarda la telefonia, l’operatore Poste Mobile è passato da 671mila sim vendute nel 2008 a 1,3 milioni a fine 2009, grazie anche all’ingresso nel segmento business.
Il 2009 è stato anche l’anno dell’accordo con il quale l’Unione Postale Universale ha affidato a Poste Italiane il compito di garantire la sicurezza delle comunicazioni digitali su ”.POST”, il nuovo dominio internet di primo livello riservato al settore postale. Sempre in tema di innovazione sono ormai oltre 12 mila i “postini telematici”, i portalettere dotati di palmare e stampante. Nel quadro delle iniziative di sviluppo ecosostenibile, è stata potenziata la flotta di “free duck”, i quadricicli ad alimentazione ibrida utilizzati per il recapito della posta nei centri storici: sono ora 200 i mezzi a disposizione dei portalettere.

Condividi ora!