Poste Italiane, trimestrale con ricavi pari a 3,05 miliardi di euro (+6%)

di Matteo Scolari
Il risultato operativo dell'azienda diretta da Matteo Del Fante è cresciuto del 14%, attestandosi a 706 milioni di euro, grazie a un modello di business diversificato. L'utile netto ha raggiunto i 501 milioni di euro.

Poste Italiane ha registrato un avvio brillante nel 2024, con tutte le divisioni di business in crescita. I ricavi del primo trimestre sono aumentati del 6% su base annua, raggiungendo i 3,05 miliardi di euro. Questo risultato è stato ottenuto nonostante le pressioni inflazionistiche, grazie a un’attenta razionalizzazione dei costi.

Il risultato operativo è cresciuto del 14%, attestandosi a 706 milioni di euro, grazie a un modello di business diversificato. L’utile netto ha raggiunto i 501 milioni di euro, segnando un incremento del 16% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I prodotti di gestione del risparmio e quelli assicurativi hanno mostrato una raccolta netta positiva, mentre i depositi retail sono rimasti stabili.

Crescita nei settori chiave

Corrispondenza, Pacchi e Distribuzione: I ricavi sono saliti del 4,6%, toccando i 934 milioni di euro. La corrispondenza ha beneficiato di un mix di prodotto favorevole e azioni di re-pricing, mentre il business dei pacchi è stato trainato dal segmento B2C.

Servizi finanziari: I ricavi hanno raggiunto 1,3 miliardi di euro, con una crescita del 5% su base annua. Questo aumento è stato sostenuto dalla crescita del margine di interesse e dalle commissioni di distribuzione dei prestiti al consumo.

Servizi assicurativi: I ricavi sono aumentati dell’1%, raggiungendo i 397 milioni di euro. La raccolta netta positiva e un ridotto tasso di riscatto hanno contribuito a una maggiore redditività nel business della protezione.

Servizi Postepay: I ricavi hanno registrato un incremento del 17,3%, raggiungendo i 379 milioni di euro, trainati dalla crescita dell’e-commerce (+16%) e dal continuo spostamento dei pagamenti dal contante alle carte e ai pagamenti digitali.

Solidità patrimoniale

Poste Italiane continua a mantenere una posizione patrimoniale solida, con un Total Capital Ratio di BancoPosta pari al 24,9% e un Solvency II Ratio del Gruppo Assicurativo Poste Vita pari al 313%. La società ha annunciato il pagamento del saldo del dividendo di 0,56 euro per azione a fine giugno 2024, per un totale di 729 milioni di euro.

Progetti e riconoscimenti

Il Progetto Polis di Poste Italiane ha completato la ristrutturazione di 1.370 uffici postali nei comuni con meno di 15 mila abitanti, garantendo l’accesso digitale ai servizi della Pubblica Amministrazione. Poste Italiane ha anche vinto il ‘Premio Bilancio di Sostenibilità’, riconosciuta per l’eccellenza nella rendicontazione non-finanziaria e per la creazione di valore per la società e l’ambiente.

Nuove iniziative

Recentemente, Poste Italiane ha costituito Postego S.p.A., una Società Benefit controllata al 100% con l’obiettivo di internalizzare progressivamente il parco mezzi di consegna, accelerando così la transizione green del Gruppo.

Commenti della dirigenza

Matteo Del Fante, Amministratore Delegato di Poste Italiane, ha commentato: «È stato un inizio d’anno molto positivo, con ricavi complessivi di Gruppo superiori a 3 miliardi di euro e contributi da tutti i segmenti, in linea con la nostra strategia. Questi risultati dimostrano come stiamo attuando il nostro piano in modo rigoroso, con un continuo focus sul raggiungimento dei risultati commerciali e sulla razionalizzazione dei costi».

👉 VUOI RICEVERE IL SETTIMANALE ECONOMICO MULTIMEDIALE DI VERONA NETWORK?
👉 ARRIVA IL SABATO, È GRATUITO!

PER RICEVERLO VIA EMAIL

Condividi ora!