L’Italia rimane un Paese di piccoli Comuni

di admin
Secondo un'indagine di Fondazione Think Tank Nord Est diminuiscono i Comuni nel Belpaese, ora a quota 7896, ma il 70% ha meno di 5.000 abitanti. Grazie alle ultime fusioni, in Veneto la conta dei municipi scende a 560.

Fondazione Think Tank Nord Est analizza il numero e i movimenti di fusione tra i Comuni italiani. Dall’analisi dei dati recenti emerge una realtà sorprendente: il numero dei municipi in Italia è destinato a diminuire, scendendo a 7.896 dal 22 gennaio. Questo fenomeno non è nuovo, iniziato all’inizio del 2000. Nel 2001, l’Italia contava 8.101 Comuni, indicando così una riduzione di 205 unità in poco più di due decenni. Se confrontata con le tendenze in altri paesi europei, questa diminuzione, pari al 2,5%, appare contenuta. Paesi come la Grecia, i Paesi Bassi, la Germania, l’Austria e la Francia hanno sperimentato riduzioni ben più significative, rispettivamente del 68%, 25%, 13%, 11% e 5%.
Nonostante questo calo, l’Italia resta un paese di piccoli Comuni. Circa 5.521 di essi, pari al 70% del totale, hanno meno di 5.000 abitanti, mentre 2.012 Municipi ospitano meno di 1.000 residenti (25,5%). I Comuni con meno di 5.000 abitanti racchiudono 9,7 milioni di persone, il 16,5% della popolazione italiana, mentre quelli con meno di 1.000 abitanti meno del 2%. La distribuzione geografica di questi piccoli Comuni è interessante: prevalenti nelle aree alpine e appenniniche, ma presenti anche nelle pianure settentrionali e in alcune aree del Sud. In termini di concentrazione regionale, il Nord Italia spicca: il 19% dei Comuni si trova in Lombardia e quasi il 15% in Piemonte. La Valle d’Aosta, Molise, Piemonte, Trentino Alto Adige, Sardegna, Abruzzo e Basilicata presentano un’alta percentuale di piccoli Comuni.

(Una foto di San Mauro di Saline, in Provincia di Verona)
Le recenti fusioni in Veneto hanno contribuito a ridurre il numero dei Comuni italiani sotto i 7.900. Tra pochi giorni nasceranno i nuovi Comuni di Setteville e Santa Caterina d’Este, frutto di fusioni tra piccoli Municipi. In Veneto, il numero dei Comuni scende a 560, con oltre la metà sotto i 5.000 abitanti (Ferrara di Montebaldo la cenerentola di Verona con poco più di 200 abitanti). Al contrario, in Friuli Venezia Giulia, i processi di fusione si sono fermati, mantenendo il numero di Municipi a 215.
Antonio Ferrarelli, presidente della Fondazione Think Tank Nord Est, sottolinea l’importanza centrale dei Comuni in Italia, ma evidenzia la necessità di percorsi di aggregazione per il loro rafforzamento. L’aumento delle problematiche amministrative, i tagli ai trasferimenti e le difficoltà nel reclutamento del personale, aggravate da pensionamenti e calo demografico, rendono indispensabili queste fusioni. Molte progettualità già condivise a livello sovracomunale suggeriscono la fusione come passo logico successivo, finalizzato a intercettare maggiori risorse e incrementare gli investimenti territoriali.

Leggi ora

In Evidenzia

Turismo: Verona è una città che sa adattarsi alle tendenze

di Redazione | 01/03/2024

Destination Verona & Garda Foundation in partenza per Berlino

di Redazione | 01/03/2024

Turismo culturale, Veneto seconda regione d’Italia

di Redazione | 01/03/2024
Coda davanti al Cortile di Giulietta a Verona.

Energia: mercato stabile, ma più caro rispetto al pre-crisi

di Redazione | 29/02/2024
Contatori di energia elettrica in un palazzo (Foto archivio).

Geometri, è boom di pre-iscrizioni

di Redazione | 28/02/2024
Romano Turri e Nicola Turri del Collegio dei Geometri di Verona.

Le Piazze dei Sapori 2024, ecco le date: dal 9 al 12 maggio

di Redazione | 27/02/2024

Yeah, dieci anni nel segno dell’innovazione e dell’inclusione sociale

di Redazione | 27/02/2024
Cooperativa YEAH

Federalberghi Garda Veneto scende in campo per la cybersecurity

di Redazione | 27/02/2024

REVO Insurance lancia la prima soluzione in Italia gestita mediante blockchain

di Redazione | 27/02/2024
Alberto Minali REVO Insurance

Condividi ora!