Banca Valsabbina: completata con successo l’acquisizione della fintech “Prestiamoci”

di admin
Proseguono ii progetti digital e sul territorio: avviato il piano di investimenti con nomina della relativa “Governance” e apertura della nuova Sede.

È stata perfezionata l’operazione di acquisizione da parte di Banca Valsabbina del 100% della fintech Prestiamoci S.p.A. (https://prestiamoci.it/), intermediario finanziario autorizzato e vigilato da Banca d’Italia (ex art. 106 TUB) che ha creato e sviluppato una piattaforma digitale diconsumer lending”. Prestiamoci controlla altresì l’istituto di pagamento “Pitupay”, rappresentando pertanto uno dei principali e strutturati player italiani, con oltre euro 90 mln di finanziamenti digitali erogati a privati.
Le origini di “Prestiamoci” risalgono al 2009, anno in cui iniziano ad operare le prime realtà di “Digital Lending”, sulla base dell’idea di sviluppare un marketplace ed una community per agevolare il prestito “reciproco” tra privati. Il primo embrione della piattaforma web vede la luce nel 2010 ma i cambiamenti importanti iniziano dal 2013, con la completa operatività della piattaforma sia nel processo di erogazione che nella gestione dell’intero ciclo di vita dei finanziamenti.
«Prestiamoci è una realtà con cui collaboriamo da tempo, negli ultimi anni abbiamo quindi potuto apprezzare e condividere la relativa progettualità sottostante, credendo in una finanza sempre più digitale ed efficiente – commenta Hermes Bianchetti –. Abbiamo contribuito progressivamente al “progetto” Prestiamoci, una realtà promettente e con potenzialità, valutando quindi la possibilità di far divenire questa fintech un asset strategico per il nostro Gruppo».
Nel corso degli anni si susseguono investimenti sul capitale della società, anche tramite l’intervento di nuovi azionisti, nonchè sul modello di raccolta di liquidità necessaria per sostenere l’incremento delle richieste di finanziamento gestite dalla fintech. A tal proposito, in affiancamento alla “raccolta da privati”, non sufficiente per sostenere le erogazioni, Prestiamoci avvia quindi la strutturazione di operazioni di cartolarizzazione, ricorrendo al supporto di investitori istituzionali (tra cui anche Banca Valsabbina), adottandola – di fatto – quale principale forma di funding.
Nel settembre 2021 la Banca bresciana, che già supportava quindi il funding della società, interviene nell’ambito di un aumento di capitale, acquisendo il 9,9% della stessa e rafforzando le sinergie industriali e finanziarie.
«Abbiamo definito e condiviso un Piano di investimenti funzionale alla crescita della società e delle relative strutture, stanziando importanti risorse, nell’ambito di un percorso evolutivo di Gruppo – prosegue Bianchetti -. Intendiamo quindi affiancare al meglio la società nel percorso di crescita, dotandola però ed al contempo di un modello di business sempre più efficace e competitivo, che deve tenere opportunamente conto di un contesto sistemico e normativo articolato. Il precedente modello di raccolta tra privati, purtroppo, non generava flussi di liquidità adeguati per sostenere i necessari volumi di erogazione ed abbiamo quindi dovuto ripianificare gli obiettivi economico/finanziari della società».
Nel corso del 2023, nell’ambito di un contesto di mercato e normativo in evoluzione e sfidante, viene raggiunta l’intesa con la Banca per rilevare il 100% del capitale della Fintech, con l’obiettivo comune di proseguire al meglio il progetto, indirizzando però la strategia di business verso un modello sempre più efficiente, competitivo e sostenibile.
Nel novembre us, dopo un’articolata negoziazione, è stato quindi perfezionato l’investimento di Banca Valsabbina in Prestiamoci, sia tramite dotazione di ulteriore capitale che a valere sull’incremento delle linee di funding istituzionale, in attuazione di un definito e condiviso Piano strategico sinergico, finalizzato allo sviluppo efficiente del “digital consumer lending”.
E’ stata quindi già inaugurata e resa operativa la nuova sede della società a Vimodrone, ampliando gli spazi a disposizione del personale anche al fine di accogliere al meglio le future opportunità offerte dal mercato.
In attuazione del Piano definito è stata inoltre aggiornata la Governance della società, mettendo a disposizione del Gruppo Prestiamoci un management trasversale e di esperienza, che ha contribuito anche alla recente evoluzione della Banca, nonché particolarmente sensibile all’innovazione ed al sistema dei controlli.
Le recenti Assemblee dei soci di Prestiamoci e di Pitupay, hanno quindi designato Antonio Beneduce (Vicedirettore Generale di Banca Valsabbina) nel ruolo di Presidente e in quello di Consiglieri Hermes Bianchetti (Vicedirettore Generale Vicario della Banca) ed Enrico Cremonesi (Responsabile Divisione Business). E’ stato inoltre nominato Amministratore Delegato di Prestiamoci e Pitupay lo stesso Hermes Bianchetti, principale ideatore della strategia di innovazione e fintech della Banca.
«Si è aperta per noi la fase 2.0 di Prestiamoci – conclude Bianchetti –, avvalorata dagli investimenti e dalle iniziative che la Banca sta già attuando e concretizzando. La nostra strategia è quella di contribuire a far emergere al meglio le potenzialità della fintech, creando reciproco valore con l’obiettivo di offrirci quindi al mercato come un player di riferimento. Questa strategia di rilancio ci consentirà di erogare sempre più prestiti a privati; basti pensare che dall’avvio della “nuova gestione” targata Banca Valsabbina le erogazioni risultano più che raddoppiate rispetto al mese precedente (+ 102%). Continueremo pertanto ad investire nelle persone e nei loro progetti rafforzando anche la rete di origination».
Sempre in attuazione delle nuove linee strategiche/commerciali, tenuto conto del mutato contesto e dei cambiamenti strutturali della società, si è ritenuto di efficientare il modello di funding della stessa, privilegiando il ricorso a forme di finanziamento istituzionale, concedendo comunque ai “prestatori” forme alternative di investimento in linea con il mercato. Tale iniziativa è di fondamentale importanza tenendo conto che solo il 14% dei prestiti attualmente in essere è stato finanziato con liquidità proveniente dai privati prestatori.

Leggi ora

In Evidenzia

Progetto Fuoco 2024: in fiera a Verona 45mila operatori

di Redazione | 02/03/2024
Progetto Fuoco 2024 - VeronaFiere - EnneviFoto

Donazzan a Bardolino per il convegno sulla scuola: «Temi delicati»

di Redazione | 02/03/2024
Tavola rotonda Snals-Confsal - assessore Donazzan

Turismo: Verona è una città che sa adattarsi alle tendenze

di Redazione | 01/03/2024

Destination Verona & Garda Foundation in partenza per Berlino

di Redazione | 01/03/2024

Turismo culturale, Veneto seconda regione d’Italia

di Redazione | 01/03/2024
Coda davanti al Cortile di Giulietta a Verona.

Energia: mercato stabile, ma più caro rispetto al pre-crisi

di Redazione | 29/02/2024
Contatori di energia elettrica in un palazzo (Foto archivio).

Geometri, è boom di pre-iscrizioni

di Redazione | 28/02/2024
Romano Turri e Nicola Turri del Collegio dei Geometri di Verona.

Le Piazze dei Sapori 2024, ecco le date: dal 9 al 12 maggio

di Redazione | 27/02/2024

Yeah, dieci anni nel segno dell’innovazione e dell’inclusione sociale

di Redazione | 27/02/2024
Cooperativa YEAH

Condividi ora!