Export, Verona continua a crescere

di admin
Con 7,8 miliardi di esportazioni nel I semestre di quest’anno Verona anche stavolta supera la media veneta e nazionale. Il primo settore per export si conferma l’agroalimentare che pesa per il 26,7%. Concentrazione dei flussi verso la Germania.

Con 7,8 miliardi di esportazioni nel I semestre di quest’anno Verona anche stavolta supera la media veneta (+3,2%) e nazionale (+4,2%) con un +5,9% rispetto al I semestre 2022. Il Servizio Studi e Ricerca della Camera di Commercio di Verona rileva anche un aumento del 4,3% delle importazioni, sempre nello stesso periodo, che si attestano sui 9,9 miliardi. La Germania si conferma principale sbocco delle merci scaligere con un aumento del 14%.

«L’export veronese cresce, – commenta il presidente della Camera di Commercio di Verona, Giuseppe Riello un segnale positivo della competitività dei numerosi settori della nostra variegata economia: i dati crescono per macchinari, alimentari, tessile/abbigliamento e ortofrutta. Sono in flessione marmo, calzature, vino, termomeccanica e mobili. Il vino registra un lieve arretramento. L’export rimane, quindi, uno dei principali motori di crescita della provincia veronese. Esportando i propri prodotti e servizi in altri paesi, le imprese creano posti di lavoro, generano valore e stimolano l’innovazione. Siamo un’economia che è ben integrata nel mercato globale e che è in grado di competere sui mercati esteri. Non dimentichiamo, però, il ruolo dell’inflazione e le recenti stime al ribasso del Pil nazionale ed europeo».
Scendendo nei dettagli, il primo settore per export si conferma l’agroalimentare che pesa per il 26,7% sul totale con 1,2 miliardi di euro di alimentari (in crescita del 17,6% rispetto al I semestre 2022), 577 milioni di vino (-1,4%) e 357 di ortofrutta (+15,3%). Seguono i macchinari che pesano per il 18,6% sul totale delle esportazioni e quotano 1,5 miliardi di euro, il 12,2% in più rispetto al medesimo periodo dello scorso anno. Cresce a due cifre (+11,5%) il tessile/abbigliamento che si attesta sugli 826 milioni di euro. Sono in flessione le calzature (238 milioni, -4,6%), il marmo (214 milioni, -9,7%), la termomeccanica (62 milioni, -9,6%) e i mobili (49 milioni, -6,2%). E’ stabile (+0,9%) l’export delle altre merci e servizi che pesa per il 37% per un valore di 2,9 miliardi di euro.
«Quanto ai principali mercati dell’export veronese sono in crescita a parte gli Stati Uniti, la Svizzera e i Paesi Bassi, per variazioni di rientro dovute ad esportazioni episodiche. I dati segnalano una concentrazione dei flussi verso la Germania che potrebbe preoccupare data la fase recessiva che sta attraversando il Paese. La disoccupazione è aumentata al 5,4%, e la crescita dell’economia è rallentata. Il governo tedesco ha varato una serie di misure per sostenere l’economia, ma è probabile che la crisi si protragga per alcuni mesi. Nonostante la recessione tedesca,  però, le imprese veronesi hanno saputo non solo mantenere, ma incrementare le posizioni con un aumento dell’export del 14%,  a 1,5 miliardi di euro, grazie all’aumento delle vendite di macchinari, prodotti delle industrie lattiero-casearie, carne lavorata e conservata e prodotti a base di carne, articoli di abbigliamento, batterie di pile e accumulatori elettrici e ortofrutta».

Condividi ora!