Casartigiani Verona: bene l’export del legno ma il caro prezzi preoccupa, si teme arresto del settore

di admin
Il comparto dei mobili di arredo Made in Verona ha chiuso in positivo posizionandosi nella top 10 delle merci scaligere più esportate: tocca quota 106 milioni di euro. Nonostante i buoni numeri si profila una battuta di arresto a causa dei prezzi elevati delle materie prime e dell'energia

Il settore mobili arredo italiano ha chiuso in crescita il 2021, con un aumento del fatturato a 49 miliardi (+14% sul 2019) e delle esportazioni (+7% sul 2019), spinto da un generale clima di ripresa. Tuttavia, adesso si teme una pesante battuta di arresto, complice il caro materie prime, il crescente costo dell’energia e non da ultimo la drammatica diminuzione dell’export verso il mercato russo, che complica ancora di più la situazione.
Per quanto riguarda la provincia di Verona il mobile arredo ha registrato un aumento del 6,4% arrivando a 106 milioni di euro di export, posizionandosi nella top ten dei prodotti più esportati.
«Non possiamo che constatare un aggravamento della situazione attuale, come sta avvenendo anche in altri settori – spiega Tiziano Mirandola, referente del settore legno per Casartigiani Verona -. È almeno dal settembre 2021 che subiamo i rincari delle materie prime (legno, pannelli e ferramenta), purtroppo è un trend negativo contro cui lottiamo da tempo. Solo per fare un esempio il mercato è così incerto e imprevedibile che i preventivi per le forniture non possono valere più di 10-15 giorni a causa dei continui rincari dei prezzi. Una situazione che mette in difficoltà tutta la filiera».
A questo poi si aggiunge la crisi dell’export verso la Russia: «Per il settore del legno questo mercato rappresenta da tempo uno sbocco importante – sottolinea Mirandola – e a pagare il costo delle sanzioni sono le piccole e medie imprese che si vedono ancora una volta come era giù successo nel 2014 con la guerra di Crimea – con le spalle al muro».
Molte aziende venete e della provincia scaligera con il tempo hanno infatti trovato nella Russia un acquirente privilegiato per mobili e materiali di arredo di qualità, costruendosi un mercato di nicchia, che adesso sta venendo meno. «Ci sono aziende del nostro territorio che avevano le commesse pronte e adesso si trovano in casa materiali di cui non sanno che farsi dato che si tratta spesso di prodotti di design proprio destinati all’estero e che in Italia hanno sempre meno mercato», spiega Mirandola.
«Viviamo un forte periodo di incertezza, tanto le nostre aziende quanto i clienti – aggiunge Gianfranco Guarise, un associato Casartigiani Verona che lavora nel settore del legno -. Noi rappresentiamo l’ultimo tassello della filiera produttiva e a cascata subiamo i rincari di grossisti, laccatori e lucidatori che a loro volta si trovano tra l’incudine e il martello. È una situazione che, a differenza di quello che qualcuno pensa, va avanti da tempo, almeno dall’ultimo trimestre dello scorso anno e arrivati a questo punto la sensazione è che qualcuno ci stia speculando e questo rischia di arrestare purtroppo la ripresa economica italiana».

Condividi ora!