Marilisa Allegrini e Giuseppe Vicenzi sono Cavalieri del Lavoro

di admin
Questa mattina al Quirinale, il Capo dello Stato Sergio Mattarella ha consegnato l'Onorificenza ai due imprenditori scaligeri impegnati nel settore agroalimentare.

Si è tenuta questa mattina, al Quirinale, la cerimonia di consegna delle onoreficenze dell’Ordine “Al Merito del Lavoro”, ai Cavalieri nominati lo scorso 2 giugno 2020 e 2021.
Tra i decorati ci sono anche due imprenditori veronesi, Marilisa Allegrini e Giuseppe Vicenzi.
«La nomina a Cavaliere del Lavoro – ha commentato Marilisa Allegrini – mi onora, dà lustro al mondo dell’agricoltura, alla mia Famiglia ed ai miei collaboratori, oltre a premiare un lungo impegno personale sviluppatosi nei mercati di tutto il mondo, oggi definitivamente conquistati dal vino italiano. La bellissima cerimonia al Quirinale ha coinvolto i premiati del 2020 assieme a quelli del 2021, gli anni che ricorderemo come i più duri e difficili della pandemia. Ma essi segnalano, come spesso ha sottolineato il Presidente Mattarella, anche la voglia di riscatto delle imprese che hanno saputo e voluto coniugare etica del lavoro e spirito d’innovazione, senza badare a rischi e sacrifici: un messaggio di forza e di speranza».

«Aver ricevuto l’insegna di Cavaliere ‘Al Merito del Lavoro’ dalle mani del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella rappresenta per me un onore enorme, che condivido con la mia famiglia e con i collaboratori che, ogni giorno, sono con me in azienda. – afferma Giuseppe Vicenzi, presidente del Gruppo Vicenzi – La nomina a Cavaliere del Lavoro non è solo il riconoscimento formale dei risultati che il Gruppo Vicenzi ha raggiunto in questi anni, ma è soprattutto la testimonianza concreta di un impegno, di un attaccamento e di una visione nei confronti dell’eccellenza dolciaria italiana e del made in Italy più in generale, che in Vicenzi non è mai venuta meno, nemmeno nei momenti più complicati. Ringrazio quanti hanno indicato il mio nome per questa alta onoreficienza: non ho mai rincorso nomine o cariche, perché non fa parte del mio modo di essere, ma devo ammettere che aver partecipato alla cerimonia al Quirinale e averla ricevuta dal Presidente Mattarella, assieme a così prestigiosi rappresentanti dell’imprenditoria nazionale, mi riempie di orgoglio».

Condividi ora!