Vendemmia, quest’anno mancano all’appello gli italiani

di admin
Tra due settimane partirà la raccolta dell'uva per la vendemmia e sono ancora pochi gli italiani candidati a questo lavoro, a differenza dello scorso anno.

La vendemmia 2021 non sarà contrassegnata da manodopera made in Italy, come accadde l’anno scorso. Gli italiani sono tornati infatti alle abituali occupazioni e non si candidano per raccogliere l’uva. Ma anche per quanto riguarda i lavoratori dell’Est le difficoltà non sono poche, anche a causa del protrarsi dell’emergenza pandemica.

«Tante aziende vitivinicole, come la mia, hanno assunto in pianta stabile da mesi i lavoratori dell’Est europeo, soprattutto romeni, per evitare di trovarsi nei guai durante la vendemmia – spiega Mirko Sella, presidente dei viticoltori di Cia – Agricoltori Italiani Verona -. Ma molte altre sono scoperte. Gli italiani, che erano stati presenti l’anno scorso, non ci saranno, perché il lavoro agricolo è visto da loro come un ripiego o l’ultima spiaggia, mai come prospettiva di lavoro stabile. Ci sono grosse cantine che impiegavano parecchi studenti, ma che quest’anno faticano a trovare candidature».

Conclude: «E gli stagionali  non mancano solo per la raccolta, ma anche per le semplici operazioni di cantina, come la gestione dei carichi e della parte burocratico-amministrativa. Per quanto riguarda gli stranieri, gli arrivi dai Paesi dell’area Schengen non sono difficoltosi, in quanto bastano il tampone e una quarantena di cinque giorni. Il problema, però, è che preferiscono zone più remunerative, come la Germania, dove lavorano più a lungo e guadagnano di più».

Condividi ora!