Camera di Commercio, Verona, e Il Sole-24 ORE.

di admin
In partnership, sei momenti di informazione per le imprese veronesi. Il prossimo webinar si terrà, il 23 marzo 2021. I webimars successivi.

La Camera di Commercio veronese e Il Sole-24 ORE informeranno, con sei webimars, le imprese veronesi, sulle opportunità e sui temi, volti a creare l’attesa ripartenza. “La collaborazione, con Il Sole 24 Ore – pone in evidenza il vicepresidente della Camera di Commercio di Verona, Paolo Tosi – garantisce due leve di valore: la prima, la visibilità: possiamo contare, su un partner, che è il “must” italiano, per l’informazione economica. La seconda: è data, dalle opportunità di business per le nostre imprese. L’obiettivo è proporre nuovi spunti, per sviluppare l’attività imprenditoriale, dal superbonus, alla digitalizzazione, dalla green economy alla compensazione di debiti e crediti commerciali. Abbiamo studiato un percorso formativo, che coinvolga tutti gli aspetti strategici, per l’attività d’impresa, in questo difficile momento”. Un webinar, dedicato al “superbonus 110%”, ha visto la partecipazione di oltre 200 persone; il prossimo si terrà martedì 23 marzo,  dalle 15 alle 17, e approfondisce gli aspetti gestionali e normativi, come segnala il titolo: “E-Commerce: opportunità e rischi della trasformazione digitale". In merito a questo tema, Camera di Commercio segnala che “Verona è la quindicesima provincia italiana, per numero di imprese digitali. Esse sono 1.951 e occupano circa 8mila addetti. Il 42,3% delle stesse si occupa di produzione di software, di consulenza informatica e di attività connesse (826 imprese), il 33,4% di elaborazione di dati, hosting e portali web (652), Il 18,4% di esse si occupa di commercio al dettaglio effettuato via internet (359)”. “Conoscere le dinamiche e le possibilità offerte dalle nuove tecnologie – spiega Carlo De Paoli, componente di Giunta della Camera di Commercio di Verona – per ottenere il massimo supporto nella vendita di prodotti in e-commerce, è cruciale, per aumentare il proprio volume d’affari. La digitalizzazione delle imprese, a tutto campo, è uno degli obiettivi principali della Camera di Commercio: funzione svolta attraverso il Pid – punto impresa digitale. Il PID offre una serie di servizi e opportunità, come corsi base di avviamento al digitale, su Impresa 4.0 e Agenda Digitale. Ma anche formazione «cucita su misura», affiancamento di figure competenti o assistenza diretta, che potrai richiedere direttamente online, ma anche telefonicamente o per email. La trasformazione tecnologica 4.0 di un’impresa comincia, col conoscere il proprio livello di maturità digitale (digital maturity assessment). Per accompagnare le imprese in questo percorso, il Pid ha realizzato un modello, per effettuarne la mappatura della maturità digitale, il cosiddetto selfi 4.0: sono state valutate quasi 1000 imprese, in tre anni”. “Questa è un’importante iniziativa, sul territorio, un’esperienza interessante, un momento di confronto con le aziende – afferma Massimiliano Di Giovanni, business developer del Gruppo 24 Ore.  Abbiamo strutturato un percorso, che affronta tutti i tempi, per il rilancio delle imprese, l’obiettivo sullo sfondo è dare strumenti e porsi come una bussola, per dare soluzioni e proposte. Lo faremo assieme a chi ha l’esperienza per raccontare come potrà essere il prossimo futuro”. Per iscriversi al seminario del 23 marzo, "E-Commerce: opportunità e rischi della trasformazione digitale",  occorre compilare il form a questo indirizzo http://convegni-diritto.ilsole24ore.com/convegno-verona-23-03-21/. Webinars in programma: – 23 marzo: e-commerce – opportunità e rischi della trasformazione digitale: dinamiche e possibilità delle nuove tecnologie, per ottenere il massimo supporto, nella vendita di prodotti in e-commerce; aspetti che si rendono necessari da parte delle imprese, per aumentare il proprio volume d’affari; – aprile: fonti integrative ed alternative di liquidità aziendale – nuove forme integrative di liquidità e, nello specifico, compensazione diicrediti e debiti, alla luce dei commi 227 e 229 dell’art. 1 della Finanziaria 202, nonché finanziamento al contenzioso; – maggio:  problematiche e soluzioni del Lavoro – i nuovi rapporti previsionali nel comparto del diritto del lavoro, alla luce delle difficoltà economiche attuali e future; – giugno: aspetti della green economy: possibilità di sviluppo economico, legate alla sostenibilità ambientale, circular economy e le nuove disposizioni in materia ambientale. Iniziativa e contenuti di grande attualità, che il tempo d’oggi e del prossimo futuro non permettono di trascurare, pena di essere battuti dalla più agguerrita concorrenza. Non solo: la non conoscenza o la non applicazione, in azienda, del tecnologico attuale, possono portare all’assenza di quella base essenziale e propedeutica, per meglio e rapidamente comprendere e praticare quanto proporrà il l’immediato futuro informatico.
Pierantonio Braggio

Condividi ora!