Saranno proposti e degustati, in via digitale, a New York, Amarone e Vini della Valpolicella. Importante iniziativa del Consorzio Valpolicella, Sant’Ambrogio, Verona.

di admin
Il re dei vini Rossi della Valpolicella si digitalizza e, a New York, si fa degustare da buyer e da media americani, nel quadro dell’operazione dal titolo: “Amarone della Valpolicella DOCG virtual tasting: explore the history and unique style of one Italy's most iconic wine denominations”.

Si tratta d’un tasting virtuale, in scena lunedì 23 novembre (ore 18.00 italiane), organizzato per wine2wine exhibition, dal Consorzio Vini Valpolicella, in collaborazione con Veronafiere e Colangelo&Partner. Guideranno la masterclass, trasmessa in streaming sulla piattaforma Veronafiere Plus, saranno Susannah Gold, writer e wine educator, e Gino Colangelo, alla guida di Colangelo&Partners,   agenzia di riferimento per la comunicazione ed il marketing del vino degli Stati Uniti. Christian Marchesini, presidente del Consorzio Vini Valpolicella: “Con questo evento, intendiamo continuare a supportare e avvicinare gli operatori americani alle nostre aziende e al brand di punta della denominazione che, come tutto il vino italiano, sta scommettendo sulla ripartenza anche attraverso la sperimentazione di nuovi format digitali. Gli Stati Uniti sono il secondo mercato di sbocco per l’Amarone. Per questo, è necessario continuare a salvaguardare il posizionamento del nostro vino, anche in questa fase di distanziamento forzato e in attesa di tornare agli eventi fisici”.  Sul mercato a stelle e strisce, sono già presenti gli operatori Buglioni, Domini Veneti, Massimago, Pasqua Vigneti, la Cantine Sartori, Verona e l’Azienda Agruicola Secondo Marco, Fumane, Verona, protagonisti della degustazione di diverse annate di Amarone a Wine2Wine, che è un forum internazionale sul wine business che si tiene a Verona, ogni anno, dal 2014. L’evento è un punto di riferimento sia per i produttori che per una grande varietà di professionisti del vino desiderosi di sviluppare e far crescere la proprio attività in tutto il mondo. Auguriamo il migliore successo all’iniziativa descritta, onde il settore vino possa essere sempre meglio attivo sui mercati di riferimento.
Pierantonio Braggio

Condividi ora!