BOTTEGA GUARDA AL FUTURO; NUOVO PROSECCO BAR A WINDSOR

di admin
Il dopo Covit19 sembra poter far tornare il sorriso a Sandro Bottega e alla sua azienda vinicola. I bar, i ristoranti , gli alberghi stanno riaprendo in buon numero e all’estero, dove Bottega spa, ottiene l’85% delle sue vendite, le frontiere paiono tornare come un tempo e gli ordini tornano ad esserci.

 Per un’azienda che ha oltre 600 dipendenti sparsi nel mondo serve ora avere ancor più idee, riportare la normalità ovunque anche se ci vorranno ancora dei mesi per tornare o avvicinarsi alla normalità. Tra mille obiettivi Bottega torna a dare priorità al suo programma retail che fin qui ha portato, in soli 5 anni, all’apertura di una trentina di Bottega Prosecco Bar che sono delle rivisitazioni in chiave moderna delle antiche osterie veneziane dove poter degustare un buon bicchiere di vino, naturalmente targato Bottega, a mangiare un piatto caldo o uno stuzzichino al tavolo o al bancone. Prosecco Bar aperti in tutto il mondo, da Stoccolma alle Seychelles, da Dubai a Birmingham, da Abu Dhabi a Seul e tutti con un successo immediato. Poco prima del corona virus Sandro Bottega ha fatto in tempo ad aprire ad Amman e a Ibiza. Ora, pur dovendo rinviare l’inaugurazione a settembre, è concentrato sul Prosecco Bar che verrà aperto all’ippodromo Royal Windsor Racecourse, a cento metri dalla residenza estiva dei reali inglesi. Con il benestare dei regnanti Bottega, grazie ad un partner locale, potrà aprire in uno dei luoghi più conosciuti della Gram Bretagna, un ippodromo che ospita tante gare ippiche internazionali. Windsor si trova nello stato di Berkshire, non lontano da Londra e la località viene considerata come una delle più gettonate del turismo internazionale. Bottega aprirà anche un secondo proprio spazio a Guerney, l’arcipelago britannico nella Manica, dove, da due anni, è operativo un altro suo Prosecco Bar. Il successo ottenuto dal primo ha fatto decidere per aprirne un altro. Va ricordato che Guernsey è frequentata dal jet set internazionale anche perché è un paradiso fiscale.

Condividi ora!