IMPRESE DEL TRASPORTO PERSONE ESCLUSE DALLE MISURE DI SOSTEGNO, LE RICHIESTE DI CONFCOMMERCIO VERONA PER SALVARE IL SETTORE

di admin
Le imprese del trasporto persone sono colpite in modo particolarmente duro dall’emergenza coronavirus e avvertono il rischio di non essere attentamente considerate, non essendo formalmente parte dei grandi comparti del commercio, del turismo e della produzione. “Le aziende del comparto che aderiscono a Confcommercio Verona chiedono e meritano maggiore considerazione, anche in virtù dell’importanza del…

“Le nostre aziende – fa presente Paolo Bellorio, massimo esponente del settore trasporto di Confcommercio Verona  – sono ferme al 100% da fine febbraio: fermi i trasporti scolastici, le gite e i viaggi di istruzione  fino a data da destinare, disdettati fino a fine stagione i servizi di trasporto turistico. Le commesse perse non sono recuperabili. Purtroppo allo stato attuale non è possibile fare un piano di ripresa in quanto tale settore viaggia di pari passo con i comparti dell’istruzione scolastica e del turismo, che brancolano nell’incertezza del futuro della pandemia. Le piccole imprese si trovano in grave difficoltà con la gestione del personale dipendente, e per la sussistenza stessa delle famiglie dei titolari, che vivono del lavoro nell’impresa”.
“Unica speranza per risollevare la categoria, fa presente Bellorio, era riportata all’art. 92 comma 4bis della Legge n. 27 del 24 aprile 2020 il cosiddetto decreto “Cura Italia”, che di fatto garantiva il pagamento dei servizi di trasporto scolastico anche in caso di non svolgimento degli stessi. Speranza che, a quanto sembra, col decreto di maggio, stia per estinguersi prevedendo la cancellazione del settore scolastico da tale articolo, in quanto i Comuni, tramite l’Anci, hanno fatto sapere di non avere i fondi per affrontare tali spese. Ricordiamo che tali importi sono già stati messi a bilancio dalle Amministrazioni Comunali”.
Volendo evitare che la situazione gravi ingiustamente in toto sull’impresa di trasporto, le aziende del settore aderenti a Confcommercio Verona chiedono che, per la durata della sospensione dei Servizi Scolastici, venga quantomeno riconosciuto alle imprese del comparto, un compenso rapportato ai costi residui delle imprese.
Chiedono inoltre che il comparto del trasporto persone sia esplicitamente inserito in tutti gli interventi previsti a sostegno del comparto del turismo, nell’ambito dei provvedimenti emanati a sostegno delle imprese per l’emergenza Covid .
L’associazione vuole inoltre ricordare che alcuni appalti di trasporto scolastico nel mese di giugno sono in scadenza e le aziende non hanno i fondi necessari per essere competitive in caso di un nuovo bando. La situazione di gravissima crisi che stanno attraversando, in conseguenza alla nota emergenza sanitaria, impediranno alle stesse di partecipare al confronto concorrenziale e, qualora mai lo facessero, non riuscirebbero certo a garantire un’offerta tecnica di contenuto qualitativo elevato. A ciò si aggiungano pure le incertezze in ordine all’effettivo inizio dell’anno scolastico nel prossimo mese di settembre e alle modalità di espletamento del servizio, ad oggi certamente non prevedibili.
“Se l’interesse pubblico alla selezione dell’offerente deve essere anche quello di ottenere il meglio per l’utenza servita e ciò si concretizza anche con un servizio reso con mezzi nuovi, a basse emissioni – prosegue Bellorio – detto obiettivo non potrebbe certo realizzarsi nell’attuale fase di mercato, perché gli offerenti non sarebbero certo in condizioni di impegnarsi per l’acquisto dei mezzi e/o comunque per confezionare un’offerta tecnica di pregio. Nessun operatore economico infatti, alle prese con le ingenti perdite che sta subendo il settore del trasporto in genere, sarebbe in condizione di impegnarsi all’acquisto di mezzi nuovi od all’assunzione di personale necessario per l’espletamento del servizio, senza avere neppure la certezza sull’inizio del prossimo anno scolastico, sulla capienza dei mezzi e sulle eventuali misure che dovranno essere adottate per garantire il distanziamento tra gli utenti”.
Di qui la richiesta di “garantire anche per gli appalti di trasporto scolastico la proroga di un anno, analogamente a quanto previsto per gli affidamenti di Trasporto pubblico locale all’art. 92 comma 4ter del Dpcm Cura Italia”.

Condividi ora!