III Music 4 the Next Generation. Un concorso per avvicinare le giovani generazioni, promosso da Fondazione Cariverona ed altre Fondazioni.

di admin
I grandi classici, da Mozart a Beethoven, reinterpretati da giovani bands, in chiave moderna. In palio 30 mila euro.

Sta realizzandosi il concorso "Music 4 the Next Generation", mirante a promuovere un approccio di interpretazione della tradizione musicale classic, alla luce delle sensibilità contemporanee. Il bando è promosso da Fondazione Cariverona, insieme a Fondazione Caritro, Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano, Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e con la collaborazione di Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi e Fondazione Banca del Monte di Rovigo. In palio un premio da 10 mila euro lordi, per il primo posto e 5 mila euro lordi per i quattro secondi classificatiNon solo premi in denaro per la formazione e la crescita musicale, gli enti promotori si riservano la possibilità di offrire l’opportunità alle cinque band finaliste, di partecipare a concerti sui territori di riferimento delle Fondazioni. Obiettivo del concorso è quello di colmare la distanza tra generazioni, pubblici e mondi musicali diversi. Ogni band è chiamata a rielaborare tematica, armonica e ritmica di grandi classici. I gruppi possono scegliere tra Terzo movimento da l’Estate di Vivaldi, Aria dalla Terza Suite di Bach e Adagio dal Concerto per oboe di Marcello. E ancora La Follia di Geminiani, Lascia ch’io pianga di Haendel, Sinfonia n. 5: I. Allegro con brio di van Beethoven e Overture da Le Nozze di Figaro di Mozart, quindi Sinfonia 9 Dal Nuovo Mondo: IV. Allegro con fuoco di Dvorak, Serenata per archi op. 48: II. Valse di Tchaikovisky e Barcarola da I racconti di Hoffmann di Offenbach. Sono ammessi al concorso "Music 4 the Next Generation" gruppi e band formati da un minimo di due componenti, senza limiti di genere musicale, con età media non superiore 35 anni.  La maggior parte dei componenti deve essere residenti o domiciliata in Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, provincia di Mantova e Marche. Il bando ammette la possibilità di utilizzare tutti gli strumenti e tutti i generi musicali, mentre la durata del brano non deve superare i 5 minuti. Tra i requisiti: adattamento originale e inedito, eventuali testi non dovranno, ovviamente, contenere elementi, che violino la legge o ledano i diritti di terzi o che incitino a qualsivoglia tipologia di discriminazioni razziale, sessuale o religiosa; eventuali testi non dovranno contenere messaggi pubblicitari a favore di persone, prodotti o servizi. È obbligatorio iscriversi sul sito internet del concorso: www.m4ng.it,  entro la mezzanotte del 29 marzo 2020, e caricare una presentazione della band, una foto del gruppo, i dati anagrafici, il titolo del brano e l’eventuale testo. La prima selezione avverrà, da parte di una Giuria tecnica (esperti titolati in formazione musicale, giornalismo di settore e produzione musicale), tramite l’ascolto degli mp3. Entro l’aprile 2020, saranno scelte e rese pubbliche le quindici band ammesse alle semifinali live di Trento, dove verranno selezionati i 5 gruppi ammessi alla serata finale, con la grande orchestra. Ulteriori informazioni, sul sito del concorso  www.m4ng.it/it/. Importante, l’iniziativa di cui sopra, perché avvicvinando i giovani, anche con la bella musica, la vera musica, si ha modo di comprendere il loro pensiero e l’aspetto, sotto il quale essi vedono e sentono la musica d’un tempo. Non solo: non li facciamo sentirsi soli, ma, molto considerati, invitandoli ad esprimersi e a dare il meglio della loro sensibilità.
Pierantonio Braggio

Condividi ora!