Verona ed il suo verde

di admin
Nuovo aspetto del giardino “San Nicolò”, grazie all’intervento del gruppo di volontariato “Angeli del Bello”.

Il bello, attraverso fiori e piante, non viene da solo, ma dev’essere curato, non solo al momento dell’impianto, ma costantemente. Curato, non solo con buona volontà, ma, anche, con molto “sapere”. Un giardino, che aveva bisogno di restauro, per così dire, era quello di Piazza San Nicolò, nel centro di Verona, che rende straordinaria detta piazza, nella quale domina, imponente, la facciata delicatamente classicheggiante dell’ex Chiesa dei Gesuiti, a suo tempo, ubicata, laddove, oggi, si trova la Biblioteca Civica veronese. Il giardino è stato letteralmente riportato a nuovo, sia nel tappeto verde, che nei fiori, tanto da apparire veramente eccezionale e altamente attraente. La cosa è stata possibile, grazie ad un’anonima donazione e al fattivo impegno dell’Associazione “Angeli del Bello”, presieduta dall’avv. Stefano Dindo e che ha eseguito i lavori, sempre a titolo ti volontariato e dedicando oltre 300 ore di lavoro, sotto la direzione di Alessandra Sinico. Grande riconoscenza ha espresso il sindaco di Verona, Federico Sboarina, per un’opera di costruttivo impegno, che rende più bella la piazza e che è segno di grande amore per Verona. Abbiamo parlato, dianzi, di manto verde e di fiori: due elementi, che, per restare belli, se, certamente, devono essere debitamente curati, vanno anche rigorosamente rispettati. Grande lode, quindi, agli “Angeli del Bello” e al loro costruttiìvo impegno, il cui risultato è stato inaugurato, in festa, il 1° giugno 2018.

Condividi ora!