Camera di Commercio, Verona. XXXIX Premio di Fedeltà al Lavoro – 2017. Riconoscimenti per l’impegno, nello sviluppo economico e sociale del Veronese.

di admin
Una sala-congressi affollata, quella della sede della Camera di Commercio di Verona, per premiare chi al lavoro ha dato tutto se stesso, creando occupazione e ricchezza, e chi, con il proprio talento, ha contribuito a rendere sempre più grande il nome della città dei Della Scala. L’incontro si è tenuto il 21 aprile 2017, essendo…

Si tratta – ha detto Riello – di un ringraziamento simbolico dell’intera comunità, che ha tratto, dal lavoro di persone e d’imprese, una qualità di vita, che ci distingue in Italia. Che ci distingue, perché Verona è la 10ª per esportazioni, la 4ª per importazioni, la 5ª per interscambio commerciale (totale fra import ed export, avendo venduto all’estero, nel 2016, per oltre 10 mld di euro, pari al un +2,9%, rispetto al 2015. Il tutto essendo dovuto alla tenacia dei nostri imprenditori, all’intensità della promozione all’estero, da parte, sia degli stessi, che della Camera di Commercio. Punte di diamante dell’export veronese sono l’agroalimentare, con quasi 3 mld d’export, pari al 27,7% del totale complessivo, la meccanica, il fashion system ed il marmo. Importantissimi il vino ed il turismo… Un contesto economico – 96.211 imprese registrate nel 2016 – che nel 2016 ha creato oltre 5400 occupati in più e il secondo tasso di disoccupazione più basso in Italia. Quanto alla politica, il presidente Riello ha sottolineato che non si può vivere in questo clima d’indeterminatezza, che occorre il coraggio d’abbandonare la vecchia logica d’accontentare nell’immediato chi vota, perché le azioni di breve termine hanno effetti di breve termine. Ci vuole una svolta, si deve uscire dagli schemi del passato, è necessario adeguarsi ai cambiamenti… Circa l’azione del futuro sindaco, questi non si potrà permettere di passare un colpo di spugna su quanto fatto dalla precedente amministrazione, anzi, dovrebbe riprenderlo in continuità…, pur con le migliorie e i ripensamenti del caso. Ci vuole più sensibilità, per lo sviluppo della città, partendo dall’economia, che traina, a ruota, tutto…, dotandola d’un ambiente vivibile per la sua attività… Economia, per la quale, noi imprenditori, assieme, in squadra, faremo la nostra parte, mettendoci a disposizione della collettività, per aiutare i nostro territorio, ma, soprattutto, per migliorare il nostro benessere. Ciò, mai dimenticando che il LAVORO, sia del dipendente, che dell’imprenditore, soddisfa i bisogni umani e sociali.
Hanno ricevuto il Premio Motu Proprio: il Laboratorio Martini srl, che studia nuovi concetti di moto e di accessori per la moto, creando nuovi stili; Giorgio Sartori, attivo per 40 anni nel settore del commercio e, quindi, in tale arco di tempo, per 22 anni, come direttore di Confcommercio, e Monica Vaccarella, per la sua dedizione alla coltivazione dell’ulivo e per la produzione, quindi, di olio extravergine e di extravergine dop “Veneto Valpolicella”, quale prodotto di nicchia; hanno ricevuto il Premio speciale: la Fraternità Francescana Betania, che gestisce la Mensa Barana, che distribuisce a Verona, ogni giorno, a titolo di carità, 200 pasti caldi e sostiene 200 famiglie in difficoltà; Sergio Pellissier, per la sua tenace attività nel campo del calcio, e, nel settore dello spettacolo; il gruppo Soul System, di Verona, il cui sound ha fatto ballare tutta Europa; il Premio Speciale alla Memoria è stato conferito a Luciano Nicolis, fondatore del grande e noto Museo dell’Auto e delle Moto d’epoca, Villafranca, Verona; il Premio per il settore auto, radio e telefonia è stato dato a Ravagnani Marco, elettrauto, Mozzecane; Frigali Michele, autofficina, Verona; Bombieri Giorgio, riparazione macchine agricole, gommista, elettrauto, Verona; Autofficina M.B. di Bertani Luigi & C., Verona; Zancauto srl, vendita auto, moto, autocarri, Zimella; Giorgio Zumerle, riparazione radio ed elettrodomestici, Illasi, e Quagli Alberto, officina meccanica, Verona;  Premio Verona Fashion: Giorgio Nicolò, rappresentante di commercio, Buttapietra: Scartozzoni Riccardo & Figli snc, maglieria ed abbigliamento, Colognola ai Colli; Pellicceria Veronica snc, Grezzana; Calzaturificio Sartori spa, San Giovanni Ilarione; Nicolato Alessandro, parrucchiere, Legnago, e Vincenzo Cazzaniga, barbiere, Sommacampagna; Premio per il settore Cibo per il Corpo e per l’Anima: Nuova Olearia Scaligera srl, Bosco Chiesanuova; Soc. Agr. Rino, Andrea, Matteo Garonzi e Cordioli Adriana s.s., allevamento bovini e bufalini, Mozzecane; Piergiorgio Caldana, frutta e verdura, Povegliano; Prosciuttificio Soave di Marco Masconale e C. snc, Soave; Monte Cilario Soc. Agricola, coltivazioni viticole ed olivicole, Verona; Pasticceria Roma snc di Michele Marcazzan e C., Verona; Cartolibreria Mameli di Ivana Zulian, Verona; Ottavio Pasquali, costruzione immobili, Caldiero; Rino Brunelli, imbianchino, Cerro Veronese; Claudio Caprara Martini, serramenti e, Roverè Veronese; Imp. Edile C.& G. di Silvano Canteri, Roverè Veronese; Gugolati Lino e Bruno snc, impresa edile, Roverè Veronese; Alberto Tacconi, falegnameria, Sona; Albrigi F.lli sas. di Tiziano Albrigi, termosanitari e condizionamento, Verona; Premio On the Road: CO.BIT srl, costruzione e manutenzione strade, acquedotti, edifici civili ed industriali, infrastrutture, Sona; Renato Vesentini, autotrasporti, Castelnuovo del Garda; Paolo Viviani, autotrasporti, imballaggi, Verona; Giulio Cappellari, scavi, movimento terra, demolizioni, prodotti per l’agricoltura e la zootecnia, Villabartolomea; Edilreti srl, reti per recinzione, accessori, carpenteria, materiali da costruzione e giardinaggio, Verona, e Raffele Soardo, meccanica, Nogara; – Premio Dipendenti della Camera di Commercio: Alessia Galvan, Angelina Guaiana, Marinella Fedrigoli e Paola Giardini; Premi per Lavoratori dipendenti da aziende Veronesi: Roberto Laita, Cecilia Adami, Paola Dalla Piazza; Concetta Maisano, Pasquale Marco Zanini; Alessandro Grando, Vittorino Caliari, Fabio Zecchinato, Giovanni De Rossi, Angelo Vincenzi, Claudio Corrà, Carla Castelletti, Claudio Cavaliere, Roberta Peotta, Vittorio Rossato, Renzo Guadagnini, Daniela Lonardi; – Premio speciale Domus Mercatorum: quotidiano L’Arena, Verona, il foglio più antico d’Italia.
Il Premio di Fedeltà al Lavoro ha fatto e fa meditare profondamente sull’importanza dell’impegno, anche morale, di ogni cittadino, per se stesso, ma anche per la società, in cui egli vive. Senza sacrificio, senza lavoro, non vi è benessere. Tanto l’impegno strettamente individuale, quanto quello d’impresa – derivante da genio, lungimiranza e capacità di rischio e, con ciò, fonte di occupazione – esso è alto contributo essenziale alla positiva evoluzione della comunità, contributo che, come tale, va, appunto, riconosciuto.
Pierantonio Braggio

Condividi ora!