Società Cattolica d’Assicurazione

di admin
Approvata la relazione finanziaria semestrale consolidata del Gruppo. I risultati del primo semestre 2016.

La raccolta-premi complessiva, registrata nei primi sei mesi dell’anno in corso, ammonta a 2.528 milioni di euro. Ad essa concorrono i premi danni con 996 milioni di euro e i premi vita con 1.526 milioni. Il combined ratio – rapporto, in fatto di azione di raccolta premi, fra spesa generale della Compagnia e quella relativa ai risarcimenti – migliora, rispetto a giugno 2015, ed è pari ad un positivo 92,5%, confermando la performance industriale positiva.
L’utile netto consolidato del primo semestre è pari a 25 milioni (67 milioni a giugno 2015; -62,7%) e un utile netto di Gruppo pari a 17 milioni di euro contro i 53 milioni di giugno 2015 (-67,9%) e tiene conto della svalutazione delle tre partecipazioni bancarie non quotate, in Banca Popolare di Vicenza, Veneto Banca e Cassa di Risparmio di San Miniato, il cui valore residuo ammonta a circa 2 milioni di euro. L’utile netto ante-svalutazioni delle dette partecipazioni sarebbe stato pari a 72 milioni di euro, l’utile netto di Gruppo pari a 64 milioni di euro.
L’indice Solvency II, solidità patrimoniale della Compagnia, calcolato con la Standard Formula, è pari a 1,88 volte il minimo regolamentare.
La Cattolica, dunque, dimostra vivacità e produttività e ci si deve augurare che il problema del grave, imprevisto appesantimento, dovuto alla questione “banche”, possa essere superato – ci vorrà il suo tempo – attraverso un’ulteriore evoluzione positiva del Gruppo stesso.

Condividi ora!