Università di Verona ed AMIA, Verona, in sinergia per la raccolta differenziata.

di admin
Forte azione in tema di sostenibilità con eventi, corsi di formazione, convegni, locandine e messaggi istituzionali.

In fatto di rifiuti, purtroppo, sempre più numerosi, non faremo mai abbastanza, in quanto, l’unica soluzione radicale sarebbe quella di non crearli…. Dato, tuttavia, che, al momento, la cosa non è possibile, non ci resta che fare in modo di smaltirli nel modo migliore, iniziando dalla fase di base, ossia, dalla raccolta, “differenziata” il più possibile. Anche presso le Università, che, alla fine, sono vere e proprie città. In tal senso, grande è stato, negli ultimi anni, il contributo della Commissione Sostenibilità di Ateneo di Verona, in stretta collaborazione con AMIA, Verona. La quale, sta sperimentando presso l’ex-austriaco edificio di Santa Marta, Verona, nuovi eleganti contenitori, bianchi e gialli, ciascuno ben riconoscibile, per la raccolta differenziata, rispettivamente di carta, plastica, secco ed umido. Il presidente di AMIA, Andrea Miglioranzi: “Sottolineo la nostra disponibilità a continuare il monitoraggio, per rilevare lo stato di fatto della raccolta differenziata, individuare eventuali criticità ed elaborare i relativi interventi migliorativi”. Marco Passigato, mobility manager dell’Università veronese: ”…Gli studenti hanno imparato a gettare i rifiuti nei bidoncini giusti, valorizzando il sistema di raccolta differenziata… In questi giorni, si è conclusa la terza fase di “sensibilizzazione”, anche con il posizionamento di grandi pannelli, che AMIA ha regalato all’Università e che aiutano a collocare, nel modo esatto, anche rifiuti particolari, puntando, così, ad aumentare ulteriormente la chiarezza del messaggio comunicativo”…
Un tema importante, che va sempre più diffuso, con opera, appunto, di sensibilizzazione – anche se dovrebbe essere del tutto normale, differenziare attentamente – tenendo presente, per esempio, che l’alluminio da rifiuti – lattine – è riciclabile senza limiti, con un risparmio del 95% sul costo di produzione, partendo dal minerale, e, inoltre, con maggiore rispetto dell’ambiente.
Pierantonio Braggio

Condividi ora!