Serata di tradizioni e di compagnia a Concamarise, Verona.

di admin
Si terrà l’11 giugno 2016, a cura del Comune e della Confraternita del Tabàr, dedicata Sant’Antonio Abate

            La rievocazione di antiche tradizioni locali renderà culturalmente serene ed allegre amicizia e compagnia, la sera di sabato 11 giugno, a Concamarise. Il settore tavola riserverà agli ospiti pesce d’acqua dolce del locale corso, denominato Sanùda, il quale, un tempo, con il suo prodotto ittico, alimentava i nostri nonni. Ma, la serata inizierà alle ore 20,00, con un rinomato concerto di campane – le campane che, rallegrando, chiamano alla preghiera! – sul sagrato della vecchia Chiesa dei Santi Lorenzo e Stefano. L’ambiente d’intorno sarà abbellito da oggetti d’epoca, atti a fare rinascere il passato, mentre poesie in dialetto e musiche di organetti allieteranno i presenti. L’iniziativa contribuisce egregiamente a rievocare, a fare conoscere, come cennato, importanti tradizioni e la loro cultura, mentre il relativo ricavato sarà devoluto alla realizzazione d’una statua, dedicata a Sant’Antonio Abate, patrono della Confraternita concamarisense dei Nostalgici del Tabàr, di cui è animatore e presidente Fabrizio Lonardi. In occasione della manifestazione descritta, avrà luogo anche il 1° “Concorso del Mèio Fógazìn”, ossia, della migliore preparazione del locale focaccino. In caso di maltempo, l’evento avrà luogo presso il Circolo NOI di Concamarise. Per motivi organizzativi, si prega di prenotarsi, entro il 5 giugno, ai numeri di Sganzerla Luigi 344 26 60 849 e Battistella Marino 347 50 71 578.
Pierantonio Braggio

Condividi ora!