Successo straordinario per la I edizione dei Cortili aperti a Verona

di admin
Oltre 5mila visitatori hanno varcato la soglia dei più bei palazzi della città
Si chiude con un bilancio al di sopra delle aspettative la prima edizione dei Cortili aperti a Verona promossa dal gruppo giovani ADSI Veneto (Associazione Dimore Storiche Italiane). Complice la stupenda giornata di primavera, sono state oltre 5000 le persone, tra veronesi e turisti, che hanno approfittato dell’iniziativa godendo, e apprezzando, la bellezza dei giardini e dei cortili dei dieci palazzi coinvolti.
 La soddisfazione degli organizzatori emerge forte dalle loro parole: “È stata una grande soddisfazione vedere una così intensa partecipazione di pubblico a questa prima edizione dei cortili aperti a Verona.” Afferma Piero Loredan, promotore dell’iniziativa e responsabile della Sezione Giovani ADSI Veneto. “L’entusiasmo dei proprietari ha incontrato l’interesse dei veronesi alle ri(scoperta) della propria città. Speriamo davvero che sia solo il primo di una lunga serie di eventi ADSI a Verona e nel Veneto. Un grazie particolare va agli sponsor che hanno reso possibile quest’iniziativa, all’entusiasmo dei giovani volontari ADSI, alla disponibilità dei proprietari e ai veronesi nel loro insieme che, ancora una volta, hanno dimostrato un notevole interesse per l’arte e la cultura”

Dai glicini di Palazzo Beccherle alle grotte di Palazzo Ederle della Torre, dagli alberi secolari di Palazzo Castellani de’ Sermeti all’eleganza di Palazzo Verità Poeta, i visitatori per la pima volta hanno potuto conoscere un lato di Verona unico e nascosto. Il tutto arricchito da concerti, degustazioni e auto d’epoca che hanno contribuito al successo di una giornata unica, all’insegna della cultura e del legame con il territorio.
 Cortili aperti a Verona è un risultato importante nell’ambito del ruolo di ADSI a livello di tutela, valorizzazione e conservazione del patrimonio culturale. Dal 1977 l’ADSI riunisce i proprietari di oltre 3000 immobili di interesse storico-artistico. L’Associazione Dimore Storiche Italiane non ha scopi di lucro e si propone di supportare la conservazione, la valorizzazione e la gestione delle dimore storiche, contribuendo in tal modo alla tutela di un patrimonio culturale, la cui conservazione e conoscenza sono di interesse pubblico. Collabora con enti pubblici e privati, promuove importanti disegni di legge e sensibilizza l’opinione pubblica attraverso eventi, ricerche e pubblicazioni.

Condividi ora!