LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE. ASSESSORE DONAZZAN INCONTRA I PREFETTI DEL VENETO PER ESAME TESTO PROTOCOLLO D’INTESA REGIONALE

di admin
L’Assessore regionale al lavoro Elena Donazzan, su delega del Presidente della Regione Veneto Luca Zaia, ha incontrato i rappresentanti delle Prefetture del Veneto nella sede della Giunta regionale, a Palazzo Balbi, per un esame della bozza di Protocollo d’intesa “Per la lotta alla contraffazione e alla pericolosità dei prodotti, a tutela della concorrenza leale e…

La bozza è stata predisposta da Unioncamere del Veneto, anche su impulso della Giunta regionale, ed è stata sottoposta nei mesi scorsi al parere dei tanti soggetti – enti ed associazioni coinvolte sul tema.

“Il nostro obiettivo – ha detto Donazzan – è di promuovere uno strumento di collaborazione stabile ed efficace in tutto il territorio regionale, perché sappiamo ormai fin troppo bene quanto la contraffazione minacci pesantemente l’economia del Veneto, la tenuta delle aziende e l’occupazione dei nostri lavoratori e spesso anche la nostra salute. Dietro alla contraffazione vive e prospera una vera e propria industria dell’illegalità che, sfruttando il lavoro nero e l’immigrazione clandestina, sia nella produzione che nella commercializzazione, alimenta la criminalità organizzata, il riciclaggio e l’evasione fiscale e contributiva”.

Partendo da questi assunti, l’Assessorato al Lavoro della Regione del Veneto, in accordo con gli Assessorati alla Tutela del Consumatore e al Commercio, facendo tesoro di analoghe esperienze già sperimentate a livello locale, ha deciso nei mesi scorsi di proporre il Protocollo regionale d’Intesa per la lotta alla contraffazione.

“Oggi – ha ricordato Donazzan – abbiamo aperto il confronto operativo e molto costruttivo con le Prefetture, dopo aver coinvolto nei mesi scorsi i Comuni, le Camere di Commercio le Associazioni di categoria e dei consumatori, la Guardia di Finanza la Polizia Locale, l’Agenzia delle Dogane le Questure, oltre alle Università, i sindacati, l’INAIL e l’INPS”.

Quattro le aree tematiche d’intervento proposte come focus del Protocollo: lo studio, la formazione e il supporto alle piccole e medie imprese e agli operatori della sicurezza; i controlli, la vigilanza e il presidio coordinato del territorio; l’informazione, la comunicazione e l’educazione; la tutela delle produzioni di qualità. Poi, nella fase attuativa vera e propria il Protocollo prevederà l’organizzazione delle attività in base alle aree d’intervento, attraverso la costituzione di tavoli di coordinamento, guidati di volta in volta da un capofila che avrà il compito di garantire la direzione delle iniziative e il monitoraggio delle attività.

L’Assessore Donazzan ha inoltre annunciato la prossima convocazione delle Procure del Veneto per realizzare insieme un protocollo sulla Giustizia che “dovrà puntare – ha precisato – a non vanificare i risultati e le attività di contrasto alla contraffazione conseguiti dalle forze dell’ordine”.
E ancora, particolare importanza, per l’Assessore, rivestirà il coinvolgimento delle scuole “poiché le buone abitudini del cittadino e del consumatore consapevole partono dall’educazione e dalla cultura”.

Condividi ora!