GIUNTA APPROVA ALIQUOTE IMU E TASI 2014

di admin
La Giunta comunale ha approvato oggi le aliquote Imu e Tasi per il 2014. “Dato l’ulteriore taglio di 31 milioni di euro ai trasferimenti dello Stato centrale al Comune di Verona – ha detto il Sindaco Flavio Tosi - nel decidere le aliquote Imu e Tasi abbiamo cercato di creare un equilibrio che andasse a…

Per quel che riguarda le aree fabbricabili, i cui valori sono rimasti invariati rispetto a tre anni fa –prosegue Paloschi- siamo andati incontro alle aree Peep, che potranno tagliare del 50 per cento l’imponibile”. Le altre modifiche rispetto alla proposta iniziale della Giunta riguardano l’aliquota Tasi per le unità immobiliari locate a canone agevolato, fissata al 2 per mille (la prima ipotesi era dell’1 per mille), che viene pagata dal proprietario al 70 per cento e dall’inquilino al 30 per cento e l’aliquota Tasi per le unità immobiliari concesse in comodato gratuito a parenti di primo grado, che resta fissata all’1 per mille, ma solo se il comodatario appartiene a nucleo familiare con Isee non superiore a 15 mila euro l’anno. L’aliquota Tasi dell’abitazione principale è stata fissata al 2,5 per mille, con detrazioni decrescenti in base alla rendita catastale: euro 200 fino a rendita catastale pari a euro 350; euro 100 da rendita catastale 351 a 600 euro; euro 50 da rendita catastale 601 a 750 euro; nessuna detrazione per rendita catastale da euro 751 in su.

UNTA’ ImmobiliARI adibitE ad abitazione principale e fattispecie assimilate, assoggettatE al solo pagamento della TASI:
FATTISPECIE
con detrazioni decrescenti in base alla rendita catastale;
euro 200 fino a rendita catastale pari a € 350;
euro 100 da rendita catastale € 351 a € 600;
euro 50 da rendita catastale € 601 a € 750;
euro 0 (zero) da rendita catastale € 751.
Aliquota
TASI
Unità immobiliare e sue pertinenze adibita ad abitazione principale.
2,5‰
Unità immobiliare appartenente alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibita ad abitazione principale e relative pertinenze del socio assegnatario.
2,5‰
Unità immobiliare e sue pertinenze di civile abitazione destinata ad alloggio sociale così come definito dal D.M. 22/04/2008 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 146 del 24 giugno 2008
2,5‰
Unità immobiliare e sue pertinenze adibita ad abitazione assegnata al coniuge in caso di separazione legale, scioglimento, annullamento o cessazione degli effetti civili del matrimonio.
2,5‰
Unità immobiliare, iscritta o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduta, e non concessa in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle Forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente delle Forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, e, fatto salvo quanto previsto dall’articolo 28, comma 1, del decreto legislativo 19 maggio 2000, n. 139, dal personale appartenente alla carriera prefettizia.
2,5‰
Unità immobiliare posseduta, a titolo di proprietà o di usufrutto da cittadini italiani residenti all’estero e iscritti all’AIRE di Verona, a condizione che la stessa non risulti locata e/o occupata
2,5‰
Unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquisiscono la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente, a condizione che la stessa non risulti locata e/o occupata da soggetti estranei al nucleo familiare anagrafico del ricoverato, così come attestato in data precedente al cambio di residenza dell’anziano.
2,5‰
Altri immobili assoggettati al solo pagamento della TASI

Unità immobiliari costruite e destinate dall’impresa costruttrice alla vendita, c.d. beni merce.
3,3‰
Fabbricato rurale ad uso strumentale, come definito ai sensi dell’art. 9 del decreto legge 557/1993.
1,0‰

Condividi ora!