DAZI CINESI SU ACCIAIO EUROPEO. ZAIA: INDISPENSABILE INTERVENTO WTO

di admin
“La Cina non può imporre i dazi per superare i suoi gap di concorrenzialità: è un genere di ritorsione che ricorda molto l’economia dei prodotti taroccati, che sono una minaccia per gli operatori seri e per i consumatori e che inquinano il mercato”.

Il presidente del Veneto Luca Zaia commenta favorevolmente con queste parole la richiesta dell’Unione Europea di un intervento del WTO sui dazi imposti dal grande Paese asiatico sui tubi d’acciaio europei.
“E’ preoccupante e sconcertante l’utilizzo disinvolto di queste misure commerciali distorsive – ribadisce Zaia – da parte di una Nazione che ha voluto aderire agli organismi internazionali sul commercio. Le regole servono per avere tutti una comune base di partenza e non possono essere rispettate solo se e quando fanno comodo. Questo non è commercio ma aggressione, come è già accaduto in altri settori (vedi il vino, ad esempio), che penalizza l’industria e il lavoro dei Paesi europei. L’auspicio è che non solo ci sia un intervento rapido, ma che sia anche definitivo”.
“Se l’Unione Europea non dovesse avere risposte positive – conclude Zaia – dia a sua volta il via a interventi daziari nei confronti della Cina: Pechino non può rinunciare ad un mercato così importante come il nostro, formato da 500 milioni di abitanti con buona capacità di spesa”.

Condividi ora!