Al Questore Stingone il “Cangrande della Scala”

di admin
Presidente Miozzi: “Un segno tangibile della gratitudine della mia Giunta e di tutti i veronesi per il lavoro svolto in questi tre anni”.

Oggi, nella Sala Rossa dei Palazzi Scaligeri, si è tenuta  la cerimonia di commiato al questore Vincenzo Stingone, che è stato nominato alla guida della Questura di Bologna.  Il presidente Giovanni Miozzi, insieme a tutta la Giunta provinciale, ha consegnato al Questore il “Cangrande della Scala”, la massima riconoscenza che la Provincia attribuisce alle personalità che si sono adoperate per il bene del territorio veronese.
Presidente Miozzi: “Le consegnamo il nostro “Cangrande” perché in questi tre anni ci siamo sentiti più sicuri grazie all’ottimo lavoro che lei ha svolto. La Questura di Verona è stata per noi amministratori un punto di riferimento costante. Parlo a nome di tutti i miei assessori che, come me, vogliano che lei porti un segno tangibile della gratitudine del territorio veronese nei suoi confronti. Non mi resta che augurarle tanta fortuna e una carriera ancora più importante”.
Questore Stingone: “Le parole sono importanti quando vengono riscaldate dal cuore. E, in questo caso, vi assicuro che le mie frasi non sono di routine, ma veramente sentite. A Verona lascio il cuore, perché qui ho instaurato rapporti umani indimenticabili e perché sono stati tre anni esaltanti. Io e i miei uomini abbiamo fatto del nostro meglio nello svolgere il nostro lavoro quotidiano: con dedizione, con orgoglio e con determinazione. Ricevo, quindi, il “Cangrande” con molta soddisfazione e sono davvero onorato per il rapporto sinergico che si è sviluppato con le istituzioni cittadine”.

Condividi ora!