Banca di Romano e Santa Caterina. Dalla premiazione delle eccellenze alla scoperta dei talenti…

di admin
Platea numerosa di giovani curiosi e interessati quella di sabato pomeriggio nella Sala Da Ponte a Bassano del Grappa.

Un incontro promosso e organizzato da Banca di Romano e Santa Caterina- Credito Cooperativo non solo per premiare i 126 giovani talentuosi di casa, ma anche per proporre stimoli e idee interessanti attraverso la testimonianza di chi ha trovato una propria strada nella vita puntando sulle proprie capacità e sulle proprie passioni.
La banca ha messo a disposizione 33 mila euro in borse di studio, ma ha dato anche valide opportunità di crescita e di confronto sul territorio, dove l’Istituto presieduto da Umberto Martini e diretto da Antonio Simonetto è presente con 13 filiali, 2700 soci, con una competenza diretta in ben 36 Comuni.
Guidati dalle riflessioni di Sebastiano Zanolli manager e scrittore affermato, due giovani talenti come Ciro Gazzola (Premio campiello Giovani 2010) e Manuel Mocellin (musicista) hanno interpretato la loro passione sul palco, dimostrando ai loro coetanei che si possono ottenere grandi risultati se si trova la forza di credere nelle proprie abilità e nei propri talenti, coltivando le passioni con impegno, in modo intelligente e concreto.
Qualche volta lavorando sodo si realizzano anche i sogni.
Ma Zanolli non si è limitato a far “decollare” i giovani alla scoperta delle proprie possibilità, rivolgendosi al contempo anche ai genitori, sempre più in crisi di fronte alle difficoltà dei tempi moderni.  I cambiamenti repentini nella gestione delle tecnologie e lo stile di vita frenetica obbligano tutti ad uscire dalle consuete e tranquille abitudini per sperimentare nuovi percorsi che consentano di restare sul mercato.
Necessario dunque non perdere la propria capacità critica, essere aperti alle novità, ma saldi nei principi e nei valori, avere obiettivi sani, contare sulle proprie forze ed avere il coraggio di re-inventarsi quotidianamente.
“E’ l’approccio giusto- ha commento Antonio Simonetto, direttore generale di Banca di Romano e Santa Caterina mediante il quale rapportarsi all’economia nel nostro Nord Est in questo momento. Anche la crisi può diventare, se adeguatamente gestita, una interessante opportunità per far emergere le capacità imprenditoriali proprie del nostro territorio. Insomma meno stanchi, ma con più idee e con il desiderio di affrontare le sfide globali”.
L’assemblea ha visto anche la qualificata presenza di numerosi amministratori  tra cui i Sindaci del Comuni di Bassano del Grappa, Marostica, Mussolente, Campolongo sul Brenta, Borso del Grappa, Lugo, Conco ed assessori di Bassano del Grappa, Romano, Rossano e Cartigliano.

Condividi ora!