Processo e Pagamenti telematici: UniCredit Credit Management Bank: avviata con successo la sperimentazione telematica al Tribunale di Verona

di admin
Partito con successo il primo ricorso per decreto ingiuntivo con pagamento on line.

La sperimentazione è stata possibile anche grazie all’impegno di UniCredit Credit Management Bank come beta tester per la gestione del pagamento nel circuito interbancario.
E’ stata avviata ieri con successo la sperimentazione dei pagamenti on line delle spese di giustizia per via telematica, tramite il Punto di Accesso accreditato presso l’Ordine degli Avvocati di Verona.
Si è trattato del primo pagamento del contributo unificato e della marca da bollo eseguito per via telematica per un ricorso per decreto ingiuntivo pendente presso il Tribunale di Verona.
UniCredit e la controllata UniCredit Credit Management Bank, la banca specializzata nella gestione dei crediti anomali, hanno fornito un importante contributo svolgendo il ruolo di Banca Proponente per veicolare gli ordini e le ricevute di pagamento all’interno del circuito interbancario.
Da tempo UniCredit Credit Management Bank è impegnata nell’informatizzazione dei propri processi ed è attiva con un’unità dedicata alle relazioni con il mondo della Giustizia per contribuire all’attuazione e alla diffusione di prassi virtuose atte a velocizzare la durata dei processi.  Consapevole dei vantaggi che il Sistema Giustizia potrà trarre dal concreto utilizzo del Processo Telematico ha lavorato quale Banca proponente in questa sperimentazione per agevolare la diffusione del canale telematico e stimolarne la diffusione.
Gli avvocati potranno ora pagare le spese di giustizia direttamente dalla propria console, senza doversi recare fisicamente presso gli sportelli della Cancelleria del Tribunale. L’intero processo sarà telematico e le informazioni verranno recepite in maniera automatizzata dal Dominio Giustizia con immediati vantaggi in termini di qualità dell’informazione e sgravio delle attività di controllo e censimento per i Cancellieri.
Una rivoluzione avviata con il Dlgs 193/2009, che per la prima volta ha introdotto la possibilità di pagare con strumenti di “monetica elettronica” il contributo unificato, le marche da bollo e i diritti di copia. Il pagamento telematico aggiunge un importante tassello nella digitalizzazione di tutto il processo di deposito dei decreti ingiuntivi e delle esecuzioni, nonché il ritiro di atti.

Condividi ora!