Iniziative assunte a fronte dell’emergenza alluvione dalle BCC/CRA vicentine

di admin
Un aiuto concreto e il più possibile coordinato e omogeneo sul territorio per aiutare quanti sono stati danneggiati e colpiti dall’alluvione delle scorse settimane. Tanto in città, quanto in provincia.

Le 10 Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali della Provincia, forti di una rete di oltre 120 sportelli nel territorio e che recentemente hanno costituito una loro Fondazione per meglio coordinare interventi unitari e mirati a favore di progetti sociali, culturali e umanitari non hanno voluto fin da subito far mancare la loro solidarietà in questa occasione.
“Sono molto contenta di ospitare questa conferenza stampa – precisa l’assessore provinciale al lavoro e all’istruzione Morena Martini – sia per la mission di questi Istituti che li rende così vicini al territorio, sia per l’attenzione verso alcune tematiche importanti, come la scuola, che ci vede impegnati in azioni progettuali comuni e molto importanti sotto il profilo etico e sociale”. 
E, dopo una attenta disanima delle iniziative prese singolarmente dalle varie banche, per rendere gli aiuti più efficaci e omogenei hanno attivato la loro iniziativa congiunta.
Per i privati, soci BCC e per tutti i clienti che attestino i danni subiti con certificazione del Comune alluvionato sono stati resi disponibili finanziamenti della durata di 60 mesi, senza spese di istruttoria e con gratuità delle spese di pagamento rata, con incluso preammortamento di 12 mesi. In aggiunta a questo è stato reso disponibile un primo finanziamento fino a 5 mila euro a tasso zero.
Per importi superiori fino a 35-40 mila euro sono stati applicati tassi facilitati legati ad una serie di parametri che di fatto dimezzano la soglia dei normali tassi di finanziamento BCC.
Per le aziende colpite che hanno bisogno di ripristinare la normale condizione per la loro attività, di ricostituire le scorte e di riacquistare impianti e beni strumentali saranno applicati tassi agevolati fino ad un importo massimo  di 100 mila euro, con possibilità di finanziamenti chirografari particolarmente facilitati, senza spese di istruttoria e di pagamento rate. In questo caso sarà necessario oltre all’attestazione di azienda alluvionata da parte del Comune anche una adeguata documentazione dei danni.
Il termine per la presentazione delle domande è fissato al 31.01.2011, con riserva di proroga  secondo necessità e opportunità.
Le BCC/CRA della Provincia di Vicenza hanno inoltre disposto una proroga per ulteriori 12 mesi della sospensione della quota capitale delle rate dei finanziamenti già in essere.
Il credito Cooperativo della Provincia di Vicenza ha dunque scelto di essere vicino agli alluvionati con interventi specifici per privati e aziende, con riguardo particolare ai soci e clienti. La scelta del tasso zero per piccoli finanziamenti fino a 5 mila euro risponde ad una necessità diffusa colta nei giorni successivi all’emergenza ed è una risposta dal sistema del Credito Cooperativo per facilitare investimenti di ripristino per le famiglie.
Fatti salvi singoli plafond e limiti di interventi stanziati da singole BCC, le Banche di Credito Cooperativo e Casse Rurali della provincia di Vicenza hanno convenuto a livello provinciale di non fissare un tetto massimo di intervento generale. Si interverrà quindi con strumenti finanziari adeguati secondo le esigenze reali delle singole persone e delle singole imprese.
Non solo. Per essere più vicini con gesti di beneficenza gratuita a situazioni di grave disagio e di grave perdita la Fondazione nata a luglio su iniziativa delle BCC/CRA della provincia di Vicenza ha aperto in questi giorni un apposito conto corrente, del quale si riportano gli estremi:
CRA Brendola
codice IBAN
IT04 M083 9960 1900 0000 0216 840
intestato alla
"Fondazione delle BCC/CRA della Provincia di Vicenza – Pro alluvionati"
“Stanno già contribuendo dipendenti e consigli di amministrazione delle BCC/CRA della provincia di Vicenza attraverso al devoluzione di un’ora di lavoro e di uno o più gettoni di presenza delle sedute del cda- annuncia Giancarlo Bersan, Presidente della Fondazione-.
Contiamo di interessare i dipendenti BCC della provincia di Vicenza (oltre 1000 persone) e di coinvolgere in un gesto di solidarietà concreta tutti i nostri consigli di amministrazione.
Ma al conto potranno contribuire con donazioni anche i nostri clienti e soci (oltre 25 mila soci) e chiunque vorrà aderire alla nostra iniziativa in quell’ottica di mutualità e solidarietà propria della mission e dello spirito statutario delle nostre banche di credito cooperativo fin dalla loro nascita oltre 100 anni fa”.
E’ possibile indicare nella causale del bonifico il comune oggetto dell’elargizione: la Fondazione si farà carico di trasferire i fondi ad una Associazione/Ente operante in quel territorio.  Per le donazioni prive di una specifica causale, la Fondazione si impegna a individuare un’Associazione/Ente meritevole e operante in Provincia.
I bonifici e ogni altra forma di trasferimento fondi a questo conto non verranno gravati da alcuna commissione. 
“Analoghe iniziative- annuncia Andrea Bologna, Direttore generale della Federazione Veneta delle Banche di Credito Cooperativo- sono state prese anche a livello regionale dalla stessa Federazione Veneta attraverso una sottoscrizione che raccoglierà in modo celere fondi di solidarietà subito disponibili nel sistema Veneto e nazionale del Credito Cooperativo”.

Condividi ora!