Tutela del canneto sulle rive del Lago di Garda

di admin
Primo tavolo di cooperazione tra le Province di Verona e Brescia.

Domani, mercoledì 10 marzo, alle ore 10.30, nella ex sala consiliare del Comune di Sirmione (Piazza Virgilio, 52 – Sirmione), l’assessore alle Politiche dell’Ambiente Luca Coletto parteciperà al primo “Tavolo di coordinamento e consultazione”, organizzato nell’ambito del “Protocollo per la gestione unitaria del canneto”.
Per la prima volta, le Province di Verona e Brescia sigleranno il protocollo che serve ad unire le forze per un’azione ambientale integrata nell’intera zona sud del Lago di Garda. Per gli effetti di questo documento, i canneti non saranno più visti come un problema da risolvere ma verranno valorizzati come una ricchezza nell’ambito della biodiversità..
Alla sottoscrizione saranno presenti i rappresentanti dei Comuni di Peschiera, Castelnuovo, Lazise, Bardolino, oltre all’assessorato all’Ambiente della Provincia di Brescia, i rappresentanti dei Comuni di Desenzano del Garda, Padenghe, Moniga e Sirmione e un rappresentante del Parco delle Colline Moreniche del Garda.
La pulizia delle aree a canneto a livello volontaristico è ormai un evento annuale che si ripete dal 2002, organizzato da varie associazioni, ambientali e sportive, sensibili alla tutela e alla difesa dell’ambiente. Lo scopo è quello di ripulire l’ambiente canneto con la rimozione dei rifiuti lasciati dall’uomo per permettere allo stesso di svolgere la sua naturale funzione fitodepuratrice.
Anche la Provincia di Verona ha già supportato l’attività di manutenzione e gestione del canneto approvando i singoli interventi comunali, e relative valutazioni di impatto ambientale,  inserite in un progetto unitario predisposto dalla Stazione Sperimentale “Eugenio Zilioli” del CNR – IREA (che ne ha altresì attestato la corretta esecuzione) e provvedendo anche a devolvere un contributo ai Comuni interessati. Per le azioni appena concluse sono stati stanziati 40 mila euro.

Condividi ora!