Alto San Nazaro: comune invita ditta esecutrice a garantire la messa in sicurezza delle aree

di admin
Gli assessori all’Urbanistica e all’Edilizia privata, insieme al presidente della 1ª Circoscrizione, hanno fatto il punto questa mattina sullo stato di avanzamento dei lavori ad Alto San Nazaro, in seguito ad alcune segnalazioni da parte del comitato dei residenti sul pericolo di smottamenti di terreno.

 A seguito dell’ultimo sopralluogo effettuato dai periti comunali per monitorare le grotte, costituite da materiale tufaceo, l’Amministrazione comunale ha inviato oggi una lettera con la quale invita la ditta esecutrice dei lavori, la Borgo Alto San Nazaro, “a porre in essere tutte le azioni necessarie al fine di garantire la messa in sicurezza delle aree, a completare le opere di urbanizzazione secondaria previste dal Pua, relazionando sullo stato dei lavori e sul rispetto degli obblighi assunti”. Nella missiva viene inoltre ricordato che le opere di urbanizzazione realizzate nella zona di Alto San Nazaro devono essere realizzate in conformità a quanto deliberato dal Consiglio comunale, in particolare per quanto riguarda la “Relazione Geologica Tecnica Integrativa” relativa alla messa in sicurezza della scarpata, a difesa delle proprietà e delle infrastrutture sottostanti. La riqualificazione dell’area situata nel quartiere Veronetta, avviata nel settembre dello scorso anno, è frutto di una convenzione tra Comune e privati che, come hanno ricordato gli assessori, stabilisce che “le aree oggetto di cessione al Comune, in quanto opere di urbanizzazione secondaria, restano a disponibilità della ditta esecutrice dei lavori e per tanto la messa in sicurezza del sito resta di totale e assoluta competenza della ditta, fino all’ultimazione dei lavori”. “In ogni caso l’Amministrazione comunale – hanno sottolineato gli assessori – prosegue nella sua opera di controllo su questo sito particolare e delicato dal punto di vista geologico.” L’assessore all’Edilizia privata ha spiegato infatti che i sopralluoghi dei periti hanno evidenziato che, a seguito delle abbondanti piogge degli ultimi giorni, alcuni frammenti si sono staccati dai soffitti ma la situazione resta quella di totale sicurezza. “Si tratta semplicemente di particelle di pulviscolo – hanno detto ancora gli assessori – fuoriuscite dalla rete metallica zincata, posizionata dalla ditta responsabile sullo strato roccioso già nei mesi scorsi.” Il recupero edilizio di Alto San Nazaro, una delle zone più degradate del quartiere di Veronetta, prevede la realizzazione di 6 palazzine a tre piani di proprietà della cooperativa Borgo Alto San Nazaro, ricostruite fedelmente e dotate di parcheggi pertinenziali interrati.  In ciascuna palazzina saranno realizzati sei appartamenti. Il progetto prevede inoltre la realizzazione, a carico dei privati, di un parco pubblico di 14 mila metri quadri, dotato di percorso ciclopedonale e panchine per la sosta e di un parcheggio di 454 metri quadri, per la maggior parte ad uso pubblico.

Condividi ora!