Agenzia delle Entrate: al via la Direzione Provinciale di Verona

di admin
Il prossimo 22 febbraio sarà operativa la Direzione Provinciale di Verona con sede in Via Fermi 63. Dopo Belluno, Rovigo e Padova partite nel 2009, si tratta della quarta direzione provinciale che nasce in Veneto.

La prima nel 2010 – a seguito della riorganizzazione dell’Agenzia delle Entrate che si rinnova per fornire più efficienti servizi e potenziare la lotta all’evasione fiscale. “La nuova organizzazione mira a potenziare l’azione di contrasto all’evasione – afferma il Direttore Regionale del Veneto dell’Agenzia delle Entrate, Ildebrando Pizzato – grazie ad una struttura più agile ed efficiente che riesca a superare un’eccessiva frammentazione delle risorse. Allo stesso tempo, rafforziamo i servizi ai cittadini diffusi sul territorio senza provocare disagi ai contribuenti in quanto i nuovi uffici territoriali sono collocati nelle stesse sedi dei soppressi uffici locali”.
La DP sarà articolata in un ufficio controlli e cinque uffici territoriali ubicati nelle stesse sedi dei soppressi uffici delle Entrate di Verona 1 (Via Fermi 63), di Verona 2 (Lungadige Capuleti 11), di Legnago (Via Armando Diaz 14), di Soave (Viale del Commercio 25) e di Caprino Veronese (Piazza Unità d’Italia 8).  L’orario di apertura per il pubblico sarà unico in tutta la provincia: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12.30 con prolungamento pomeridiano  il martedì ed il giovedì dalle 14.30 alle 16.30.
L’Ufficio Controllo si occupa delle attività di accertamento e contenzioso ed è suddiviso in quattro aree: imprese di medie dimensioni (dai 5 ai 100 milioni di volume d’affari), imprese minori e lavoratori autonomi (sotto i 5 milioni di euro di fatturato),  persone fisiche ed enti non commerciali, l’area legale che segue il contenzioso.
Gli uffici territoriali si occuperanno dell’assistenza ai contribuenti e di quelle tipologie di controllo a maggior diffusione sul territorio: le comunicazioni di irregolarità, il controllo formale delle dichiarazioni dei redditi, gli accertamenti parziali automatizzati, gli accertamenti in materia di imposte di registro, imposta sulle successioni e donazione e le attività di controllo esterno concernenti il rispetto degli obblighi strumentali (regolare emissione di scontrini fiscali da parte dei pubblici esercizi) e di riscontro della veridicità dei dati rilevanti ai fini degli studi di settore.
Per quanto riguarda l’erogazione dei servizi ai contribuenti, i nuovi uffici territoriali continueranno a svolgere le tradizionali attività di front office: registrazione atti pubblici e privati, informazione fiscale, tutoraggio, assistenza alla compilazione e trasmissione delle dichiarazioni fiscali, rilascio di codice fiscale e partita Iva, denunce di successione. Per ragioni di efficienza organizzativa i rimborsi Iva saranno gestiti solamente dall’ufficio territoriale di Verona 2.

Condividi ora!