Presentati progetti pubblica utilità sociale

di admin
Sindaco Tosi. consetiranno 45 assunzioni in aziende partecipate.

Quarantacinque contratti a tempo determinato, della durata di 4 o 6 mesi, a favore di lavoratori che durante il 2009 hanno perso il posto di lavoro o non possono più godere di ammortizzatori sociali. E’ quanto previsto dai progetti di utilità sociale presentati dal Comune di Verona con le società di public utility Amia e Acque Veronesi e realizzati grazie al contributo della Regione. Il provvedimento è stato illustrato oggi a Palazzo Barbieri dal Sindaco Flavio Tosi; erano presenti l’assessore ai Servizi sociali Stefano Bertacco, il presidente di Amia Paolo Paternoster, il vicepresidente Stefano Legramandi e il direttore Gianpietro Cigolini, il presidente di Acque Veronesi Guido Cuzzolin e il presidente della commissione consiliare ambiente Marco Gruberio. “Si tratta di un’importante occasione per alcune famiglie veronesi  toccate dalla difficile crisi economica di questo periodo – spiega Tosi –. Infatti, grazie alla collaborazione di Amia ed Acque Veronesi che hanno accolto subito l’invito dell’Amministrazione comunale ad attivare dei progetti per richiedere i contributi regionali,  45 disoccupati saranno assunti a tempo determinato e potranno svolgere attività che rispecchiano le loro professionalità ed essere utili alle aziende e alla città”. “Si tratta di veri e propri posti di lavoro che soddisfano diverse tipologie di lavoratori – precisa Bertacco –  anche in considerazione del fatto che la crisi ha colpito le più svariate attività produttive. L’auspicio – aggiunge l’assessore – è che tale occasione di lavoro si trasformi presto in un incarico duraturo e che anche altre aziende municipalizzate seguano l’esempio di Amia ed Acque Veronesi”. Nello specifico, sono quattro i progetti di pubblica utilità promossi dal Comune  per un costo complessivo di oltre    616 mila euro e finanziati al 50 per cento dalla Regione (per oltre 308 mila euro);  Acque Veronesi assumerà per 6 mesi 6 lavoratori per servizi di implementazione e aggiornamento data base gestionali (costo complessivo del progetto 69 mila euro, di cui 34 mila 500 erogati dal fondo regionale). Amia assumerà a tempo determinato 49 lavoratori, per un costo complessivo di oltre 547 mila euro (di cui oltre 273 mila finanziati dalla Regione); 20 si occuperanno, per 4 mesi, di costumer satisfaction, 4 lavoratori saranno impegnati  4 mesi nel progetto di automatizzazione ed innovazione tecnologica degli impianti di irrigazione, 15 lavoratori saranno infine assunti per 6 mesi per l’ammodernamento del parco contenitori per la raccolta differenziata del vetro. Nei prossimi giorni si inizierà l’esame delle  richieste di lavoro finora presentate e di quelle che nel frattempo arriveranno, al fine di verificare i requisiti professionali richiesti dalle aziende. I 45 lavoratori ritenuti idonei, saranno assunti entro tre mesi.

Condividi ora!