Europee, anche UNCEM ha delle richieste per la tutela della montagna

di Matteo Scolari
Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani ha preparato un documento che delinea alcune priorità fondamentali per chi siederà nel Parlamento Europeo a Strasburgo.

In occasione delle recenti elezioni europee, l’UNCEM (Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani) ha preparato un documento che delinea alcune priorità fondamentali per chi siederà nel Parlamento Europeo a Strasburgo. Questo documento, pubblicato il 10 giugno 2024, sottolinea l’importanza di una Strategia Europea per le Montagne, evidenziando il ruolo fondamentale che le aree montane e rurali possono giocare nello sviluppo sostenibile e inclusivo dell’Unione Europea.

La necessità di una strategia europea per le montagne

Secondo l’UNCEM, le zone montane, che coprono il 41,3% del territorio europeo e ospitano circa il 25% della popolazione, necessitano di un’attenzione particolare a causa delle loro specifiche sfide economiche, sociali e demografiche. Queste aree soffrono di spopolamento, invecchiamento della popolazione e marginalizzazione economica, problemi che sono stati esacerbati dalla crisi climatica e dalla transizione industriale.

La proposta dell’UNCEM include l’adozione di una Strategia Europea per le Montagne che preveda un quadro strategico per lo sviluppo sostenibile di queste zone. Questa strategia dovrebbe integrare le politiche rurali e di coesione dell’UE, promuovendo la crescita intelligente, sostenibile e inclusiva, la sicurezza alimentare, l’inclusione sociale, la parità di genere, la lotta ai cambiamenti climatici, la creazione di posti di lavoro e la digitalizzazione.

Marco Bussone, presidente Uncem.

Riconoscimento delle aree montane

Una delle richieste chiave dell’UNCEM è il riconoscimento legislativo delle aree montane come entità separate dalle zone rurali e periferiche. Questo riconoscimento permetterebbe l’adozione di misure specifiche e investimenti mirati per migliorare la competitività e lo sviluppo di questi territori. La proposta include anche la promozione di “green communities” e “smart villages” come modelli di sviluppo sostenibile e innovativo.

Cooperazione transnazionale

Il documento sottolinea l’importanza della cooperazione transnazionale, facendo riferimento a iniziative storiche come la Comunità di Lavoro delle Alpi (ArgeAlp) e la Convenzione delle Alpi, che hanno stabilito collaborazioni tra le regioni montane per affrontare sfide comuni. UNCEM evidenzia l’importanza di continuare su questa strada, lavorando con paesi come la Spagna e la Francia, che hanno già implementato piani di recupero e resilienza per le aree rurali e montane.

Politiche forestali

UNCEM pone anche l’accento sulle politiche forestali, chiedendo la creazione di una Direzione Generale specifica per le Foreste all’interno della Commissione Europea. Questa proposta mira a garantire una gestione sostenibile delle foreste, che coprono il 33% della superficie dell’UE, e a valorizzare la bioeconomia forestale in sinergia con gli obiettivi climatici e di biodiversità dell’UE.

Coinvolgimento dei giovani

Infine, UNCEM sottolinea l’importanza del coinvolgimento delle nuove generazioni e della società civile nella definizione del futuro delle zone montane e rurali. Progetti educativi e iniziative locali sono visti come strumenti cruciali per promuovere una nuova politica europea per le montagne, basata sulla coesione, l’inclusione e lo sviluppo sostenibile.

👉 VUOI RICEVERE IL SETTIMANALE ECONOMICO MULTIMEDIALE DI VERONA NETWORK?
👉 ARRIVA IL SABATO, È GRATUITO!

PER RICEVERLO VIA EMAIL

Condividi ora!