Dipendenti della ristorazione collettiva in sciopero il 4 giugno

di Redazione
Filcams Cgil Fisascat Cisl e Uiltucs di Verona protesteranno davanti al Centro Cottura di Euroristorazione contro le aziende aderenti ad ANIR e ANGEM che minacciano chi chiede un rinnovo del contratto di ristorazione collettiva, scaduto nel 2021.

Il 4 giugno sarà una giornata di sciopero nazionale delle lavoratrici e lavoratori dipendenti delle aziende aderenti ad ANIR e ANGEM della ristorazione collettiva. Alla base della protesta, indetta dai sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, la comunicazione pervenuta dalle due associazioni imprenditoriali che, a più di un anno dalla ripresa delle trattative, hanno diffidato le parti costituenti il tavolo negoziale del Contratto nazionale P.E., Ristorazione Collettiva, Commerciale e Turismo ad astenersi dall’adozione di qualsiasi determinazione inerente il comparto ristorazione collettiva. E quindi la richiesta di costituire un tavolo negoziale separato. 

«A più di tre anni dalla scadenza del CCNL, le imprese associate ad ANIR e ANGEM stanno quindi minacciando chi vuole arrivare ad un rinnovo in grado di garantire condizioni salariali dignitose alle lavoratrici e ai lavoratori di questo settore» tuonano i Segretari di Verona Graziella Belligoli di Filcams, Giosuè Rossi di Fisascat e Gabriele Bozzini di Uiltucs. 

E  aggiungono: «Il percorso avviato da tempo sui temi riguardanti la sfera normativa, la classificazione del personale e gli incrementi salariali rischia quindi di subire ulteriori rallentamenti a causa di una presa di posizione irresponsabile da parte di alcune delle imprese della ristorazione collettiva: Authentica Spa – Eurotourist New Spa – Dussmann Service Srl – Ladisa Srl – Serenissima Spa – Euroristorazione – Siristora Global Service – Vivenda Spa – Compass Group Italia Spa – Gruppo Elior – Genesi Srl – Pedevilla Spa – Sodexo Italia Spa – Italcatering Srl – Felsinea Ristorazione Srl – Ser Car Ristorazione Collettiva Spa – Sir Sistemi italiani di ristorazione».

Per questi motivi, non più rimandabili, Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs hanno deciso di avviare la mobilitazione a difesa di un contratto scaduto nel 2021, che viene applicato complessivamente ad oltre 1milione di addetti nel nostro paese.

«Martedì 4 giugno come organizzazioni sindacali territoriali organizzeremo un presidio assieme alle lavoratrici e ai lavoratori della Ristorazione collettiva, davanti al Centro Cottura di Euroristorazione dalle ore 10 alle ore 12» concludono i tre Segretari di Verona Graziella Belligoli, Giosuè Rossi e Gabriele Bozzini. 

Condividi ora!