Logistica, il Veneto tra le regioni con la crescita maggiore

di Matteo Scolari
Secondo un'analisi del Gruppo Tecnocasa Immobili per l'impresa, la nostra regione si conferma tra le più gettonate per lo sviluppo del settore, in cui si sta preferendo la riconversione che la costruzione di nuove strutture.

Il settore logistico continua a crescere in Italia, con un impatto significativo anche sul mercato immobiliare del Veneto. Secondo i dati più recenti diffusi da Randstad Research, il settore logistico in Italia conta 1,16 milioni di occupati e genera un valore di 92,7 miliardi di euro, pari al 5,41% del PIL nazionale.

Questa crescita è stata particolarmente forte dopo il 2020 nei settori dell’healthcare, alimentare e dell’e-commerce. La rete di agenzie Tecnocasa e Tecnorete Immobili per l’Impresa ha identificato diversi trend nel settore logistico italiano: la ricerca di soluzioni di nuova costruzione, l’occupazione di location secondarie, lo sviluppo della logistica dell’ultimo miglio e una forte attenzione all’impatto ambientale.

In Veneto, come nel resto del Nord Italia, la logistica ha visto uno sviluppo significativo. Tuttavia, le aziende del settore devono affrontare una serie di sfide, tra cui una scarsa offerta di immobili adatti alle loro esigenze. Le caratteristiche degli immobili disponibili spesso non soddisfano i requisiti delle aziende logistiche, in termini di altezza, ampiezza e vicinanza a infrastrutture strategiche. Questo ha portato molte aziende a ricorrere a operazioni di “build to suit”, ovvero progetti costruiti su misura in base alle specifiche tecniche richieste dall’utilizzatore finale.

Uno dei fattori che ha maggiormente influenzato lo sviluppo logistico negli ultimi anni è l’impatto ambientale. Molti operatori logistici in Veneto stanno adottando strategie brownfield, preferendo il recupero di aree dismesse piuttosto che nuove costruzioni, nonostante i costi elevati di riconversione. Le nuove costruzioni sono sempre più attente ai criteri ESG (Environmental, Social, and Governance), con la creazione di aree verdi, l’utilizzo di pannelli fotovoltaici, impianti di illuminazione a basso consumo e stazioni di ricarica per veicoli elettrici.

Secondo l’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa, i prezzi dei capannoni usati sono diminuiti del 20,4% negli ultimi dieci anni. Tuttavia, solo il 15% degli immobili logistici in Italia è considerato sostenibile, con certificazioni Leed o Bream. Questo evidenzia la necessità di ulteriori investimenti nella sostenibilità degli immobili logistici. Il Veneto, insieme a Piemonte, Lombardia ed Emilia-Romagna, è tra le regioni con la maggiore concentrazione di aree logistiche e nuovi interventi. Tuttavia, c’è un crescente interesse per lo sviluppo logistico anche nelle regioni del centro e sud Italia, come Lazio, Campania e Puglia, incentivato da programmi come il PNRR che puntano a investire in infrastrutture, mobilità e logistica sostenibile.

👉 VUOI RICEVERE IL SETTIMANALE ECONOMICO MULTIMEDIALE DI VERONA NETWORK?
👉 ARRIVA IL SABATO, È GRATUITO!

PER RICEVERLO VIA EMAIL

Condividi ora!