Basta morti sul lavoro: continua l’impegno di Cisl Verona

di Redazione
Evento della Cisl, questa mattina, al Teatro Camploy di Verona per sensibilizzare sul dramma delle morti sul lavoro con lo spettacolo “Senza un tocco di campane” e un incontro con scuole e istituzioni.

Questa mattina al Teatro Camploy di Verona è andato in scena il tema drammatico e sempre attuale delle morti sul lavoro. Cisl Verona infatti ha promosso la rappresentazione “Senza un tocco di campane”, della Nuova Compagnia Teatrale, e un incontro con scuole e istituzioni sul medesimo tema. Presenti oltre 300 studenti di vari istituti scolastici.

«I primi dati del 2024 ci mostrano un bicchiere mezzo pieno» dice il segretario generale della Cisl di Verona Giampaolo Veghini, «ma non è solo una questione di dati, è una questione culturale». Per questo il coinvolgimento delle scuole e della compagnia teatrale di Enzo Rapisarda.

«La cultura dell’impresa, da quella del lavoratore a quella dell’imprenditore, si devono incrociare» dice Veghini. «La formazione è fondamentale, anche per i lavoratori immigrati che arrivano e di cui abbiamo bisogno».

Per anni queste sono state chiamate “morti bianche”, bianche perché l’aggettivo bianco allude all’assenza di una mano direttamente responsabile dell’accaduto, invece molto spesso la mano responsabile c’è. Ancor oggi si muore sul lavoro per le stesse ragioni e allo stesso modo in cui si moriva in un passato privo di mezzi e di tecnologia, nonostante il progresso in questi campi negli ultimi tempi sia stato eccezionale. È come se la tecnologia si arrestasse sulla soglia di certe fabbriche e certi cantieri, dove si continua a morire e dove la sicurezza è considerata solo un costo.

Lo scopo di questo allestimento teatrale, oltre a quello di sensibilizzare il pubblico circa l’importanza fondamentale del concetto di sicurezza, è anche quello di dare voce a chi non è stato ascoltato e per fare ciò gli attori della Nuova Compagnia Teatrale si serviranno di parole e storie ispirate a vicende reali, riguardanti ogni parte del nostro Paese.

Condividi ora!