UGL in Bra con senatori e deputati contro la delocalizzazione e i bassi salari

di Matteo Scolari
Il sindacato, in viaggio con il tout #LavoroèPartecipAzione, ha fatto tappa anche a Verona. Pietropoli: «I lavoratori devono avere accesso ai CdA».

La città di Verona ha ospitato sabato 16 marzo una tappa importante del tour #LavoroèPartecipAzione, un’iniziativa promossa dall’UGL per combattere la delocalizzazione e i bassi salari attraverso la partecipazione dei lavoratori alla gestione delle imprese. L’evento, tenutosi in Piazza Bra, ha visto la presenza non solo dei dirigenti dell’UGL a livello regionale e provinciale, ma anche di numerosi lavoratori veronesi e rappresentanti istituzionali.

Tra i partecipanti, il vice Segretario Nazionale UGL Terziario Luigi Giulio De Mitri, il vice Segretario Nazionale UGL Autonomie Loredano Bertaiola, il Segretario Nazionale UGL Chimici Energia Michele Polizzi, e figure di spicco della politica locale e nazionale, tra cui il Presidente della Provincia Flavio Massimo Pasini, l’Europarlamentare Paolo Borchia, i Senatori Matteo Gelmetti e Paolo Tosato, l’Onorevole Maddalena Morgante e il Consigliere Regionale Filippo Rigo.

Il fulcro della proposta sindacale è stato eloquentemente riassunto da Alberto Pietropoli, Segretario Provinciale UGL: la partecipazione attiva dei lavoratori nei consigli di amministrazione delle imprese, in particolare quelle pubbliche e quelle quotate in Borsa, come mezzo per prevenire la delocalizzazione e assicurare salari più equi. «Agganciando le retribuzioni agli utili dell’impresa, possiamo garantire salari più importanti per i lavoratori e evitare la delocalizzazione di molte aziende» ha affermato Pietropoli.

Verona, con la sua posizione strategica, il ricco patrimonio artistico e culturale, e un’economia vivace sostenuta dal turismo e da una robusta rete industriale, rappresenta un terreno fertile per l’attuazione di questa proposta. Il tour #LavoroèPartecipAzione punta a rendere la città un modello per la partecipazione dei lavoratori alla gestione delle imprese, dimostrando come questa possa essere una strategia vincente contro le pratiche di delocalizzazione e per la promozione di un’economia più giusta e inclusiva. Le figure istituzionali presenti hanno concordato sull’importanza di questa iniziativa, sottolineando come la partecipazione dei lavoratori possa essere cruciale per proteggere i territori e prevenire il disimpegno industriale, mantenendo le produzioni importanti all’interno del Paese.

👉 VUOI RICEVERE IL SETTIMANALE ECONOMICO MULTIMEDIALE DI VERONA NETWORK?
👉 ARRIVA IL SABATO, È GRATUITO!

PER RICEVERLO VIA EMAIL

Condividi ora!