Do It Better Group: la cucina sostenibile veronese continua la sua scalata

di admin
Il Group di Luca Gambaretto rinnova i format SAOS e Oblò. Lanciata partnership con Vicentini Auto per brunch griffati Audi. Tanti cambiamenti e novità sotto l'insegna della sostenibilità e dei giovani gourmet.

Il CEO di Do It Better Group, Luca Gambaretto, 32 anni, non ha dubbi: sono i giovani ad avere in mano le chiavi del futuro, anche e soprattutto nel mondo della ristorazione: «Sono i giovani a guidare il cambiamento, ormai sempre più profondo sia a livello alimentare sia per quanto riguarda lo stile di vita. Tra le priorità delle nuove generazione c’è la sostenibilità, diventata ormai uno degli elementi di scelta più importanti anche nel mondo dell’enogastronomia. Per questa ragione l’inizio del 2022 ci vede pianificare e implementare diverse iniziative di rilancio, creando valore per i nostri clienti e i dipendenti dell’azienda».
La novità più rilevante è il rinnovamento del format di SAOS. L’insegna in via Oberdan si posiziona come una vera e propria bottega green nel cuore di Verona, riferimento per tutte le persone che sposano uno stile di vita attivo, sostenibile e genuinamente attento all’ambiente.
Un bancone degno di una vera gastronomia, interni dai colori pastello e una formula incentrata su tre valori fondanti: genuinità, sostenibilità, qualità.
Il fulcro del rilancio è un cambio di rotta nel segno del territorio: da locale con forti vibes californiane – specializzato principalmente in piattini e poké – a un’offerta gourmet il più possibile legata alla produzione locale, attiva tutto il giorno, dalla colazione alla cena. Tra i fornitori, Dolce Forno (Bussolengo) per i lievitati, Malga Faggioli, eccellenza della Lessinia veronese, per i prodotti caseari e Legend Kombucha per la kombucha (Verona), per le bevande naturali a base di the fermentato.
Il menù si rinnoverà di settimana in settimana e avrà un’ampia proposta dolce e salata, dove non mancheranno insalate, sandwich, zuppe, contorni a base di verdura, torte, centrifugati, sweet bowls e snack healthy.
Importante la collaborazione con Too Good To Go, l’app che vende prodotti alimentari invenduti a costo ridotto, per massimizzare l’abbattimento dello spreco alimentare. E ancora, un programma di laboratori con artigiani veronesi, eventi all’aria aperta e attività a sostegno della tutela dell’ambiente, per dare vita a una community affezionata e attiva, che abbracci i valori della sostenibilità a tutto campo.
Un modello che, partendo da Verona come città pilota, sarà esportato anche in altri centri, coerentemente con la metodologia di sviluppo del Gruppo Do It Better che, partendo dal rilancio dello storico Ristorante Maffei di Verona, è oggi una realtà che conta 5 insegne e oltre 60 collaboratori.
A fianco del rinnovato SAOS (nel senso fisico del termine, poiché ne condivide lo spazio esterno) arriva il nuovo look di Oblò Comfort Food, che per il suo ottavo compleanno vedrà rinnovati sia i locali interni, sia il plateatico in Largo Guido Gonella, a pochi passi da Porta Borsari. Il locale è stato rinnovato, per continuare a proporre un’offerta di comfort food cosmopolita, tra hamburger gourmet, piatti speciali legati allo street food e dessert internazionali, centrata sull’alta qualità della materia prima e l’ospitalità conviviale, con forte vocazione per il delivery, servizio ulteriormente potenziato negli ultimi anni.
Anche AMO Bistrot è tra i locali del gruppo coinvolti dall’onda di novità degli ultimi mesi: nelle domeniche di maggio, prima della sospensione estiva, l’ormai consolidato brunch avrà una nuova veste. Grazie a una partnership con Vicentini – Gruppo Eurocar Italia, il consueto appuntamento domenicale di AMO si brandizzerà completamente: i grandi classici del brunch – pancake, waffle e altre sfiziosità – cambieranno volto marchiandosi con gli iconici quattro anelli del brand Audi, di cui il Vicentini è unico dealer ufficiale per Verona e provincia, e il locale si vestirà a tema per l’occasione con neon colorati, totem e un simpatico contest, attraverso cui i partecipanti avranno l’occasione di vivere un’esperienza di guida Audi per un intero weekend.
Infine, è notizia di qualche mese fa l’avvio di un’Academy di formazione interna per i dipendenti del Gruppo, in grado di conferire una visione a tutto tondo del mondo della ristorazione e consolidare le competenze dei giovani talenti del team: oltre a workshop su materie prime, servizio e tecniche di cottura, tutti i membri del team Do It Better hanno partecipato in questi mesi a giornate dedicate all’imprenditoria, la comunicazione, l’organizzazione del tempo e il lavoro di squadra. 

«Il nostro mondo non è diviso a compartimenti stagni – conclude Luca Gambaretto – chi sta in sala non può non conoscere gli step di preparazione di un piatto e chi lavora in cucina non può non avere competenze in tema di gestione del personale. Lavorare in un ristorante significa essere parte di un organismo complesso, costituito da diversi elementi, dove il dialogo è tutto. Siamo come una compagnia teatrale, che a ogni servizio calca la scena e deve portare a casa il miglior spettacolo di sempre: non esistono gli attori sul palco senza coloro che si occupano del backstage. Ecco perché il nostro motto è team work makes the dream work».

Condividi ora!