“Innovabiomed” – The Networtk Place for Medical Industry.

di admin
Il nuovo e grande evento, che si terrà, per la prima volta, a Veronafiere, il 23 ed il 24 gennaio 2018, dedicato all’industria biomedicale.

Doti, conoscenza ed esperienza contano molto, in ogni settore, ma, massima importanza esse acquisiscono, in medicina-chirurgia, che, come bene sappiamo, è fattore essenziale per la vita. Tuttavia, è ritenuto importantissimo il contributo, che, oggi, la tecnologia può offrire, per trovare, ove possibile, soluzioni rapide e certe, nel corso d’interventi sul corpo umano. Abbiamo detto “tecnologia”, elemento, oggi, indiscusso, per la sua precisione e che, in fatto di medicina, non può che essere derivazione di diretto contatto fra chi tecnologia ha assolutamente bisogno d’impiegare, per garantire vite, e chi tecnologia produce. Ma, ancora meglio: lo specialista, attivo in sala operatoria, data la sua conoscenza diretta di quanto di meglio può essergli utile di tecnologico, per approfondire in modo ottimale quesiti, che sopraggiungono durante un intervento, è, di conseguenza, in grado di suggerire all’ingegnere o al tecnico, quale tipo di nuovo apparecchio a hoc sia da creare, per ottenere da esso dati esatti, durante un intervento. Può trattarsi di un congegno modesto, che può rivelarsi di massima utilità… In sostanza: un semplice contatto, fra medici e tecnici, può dare origine a congegni straordinari e determinanti, per la vita umana. A creare questo incontro vuole giungere, senza alcuno scopo commerciale, “Innovabiomed”, The Networtk Place for Medical Industry, che, per la prima volta, quale punto di riferimento nazionale del settore, si terrà, il 23 ed il 24 gennaio 2018, nel quartiere della Fiera di Verona, organizzato dalla stessa, in collaborazione con medici-scienziati, di fama mondiale e con il noto Distretto Biomedicale Mirandolese, fondato da Mario Veronesi (1932-2017) e considerato la “Silicon Valley italiana del biomedicale” stesso. Il nuovo format prevede, dunque, due giornate d’incontro e di confronto tra fornitori e produttori, nel campo dei citati dispositivi, che trovano applicazione nei più diversi settori clinici, dalla chirurgia all’oncologia, dall’emodialisi all’anestesia, dalla diagnostica alla rianimazione. Riguarda ancora il settore, in tema, dispositivi impiantabili, attivi e passivi, protesi e sistemi ortopedici, strumentazioni diagnostiche, nonché stampanti in 3D. Filo conduttore resta sempre l’innovazione, lungo tutta la filiera produttiva: materiali, tecnologie, componenti e servizi. “Innovabiomed” mira ad essere, in concreto, anche opportunità di aggiornamento professionale, delineando scenari di medio e lungo termine, attraverso convegni, seminari tecnici e workshop tematici, onde porre in relazione, come dicevamo, gli attori del settore, per fornire risposte alle moderne esigenze mediche. “Innovabiomed” non è frutto del caso, ma, il risultato lodevolissimo della passione e dell’intuizione del chirurgo vascolare Carlo A. Adami, innovatore e pioniere di tecniche chirurgiche, e del manager Mario Gilbertoni, professionista, nel settore biomedicale. La prima edizione di Innovabiomed è stata presentata il 12 luglio 2017, a Verona. Oltre a Maurizio Danese, presidente di Veronafiere e Alberto Nicolini, editore del portale distrettobiomedicale.it, sono intervenuti il creatore dell’iniziativa Innovabiomed, Carlo A. Adami, Giovanni Mantovani, direttore generale di Veronafiere, Federico Sboarina, sindaco di Verona, Luca Coletto, assessore alla Sanità della Regione del Veneto, Giampaolo Tortora, oncologo e componente del comitato scientifico di Innovabiomed, Gino Gerosa, cardiochirurgo e pure componente del comitato scientifico, nonché Marco Gibertoni, coideatore del nuovo evento. Carlo A. Adami, appassionato iniziatore dell’incontro, ha espresso la sua soddisfazione, per vedere realizzarsi una sua idea, che egli ha sempre ritenuto essenziale, per il migliore progresso della medicina-chirurgia. Maurizio Danese: siamo lieti ed onorati di potere ospitare Innovabiomed, sessantaseisima, fra le manifestazioni, che Veronafiere organizza ogni anno, nella certezza anche di dare un forte contributo alla medicina, nel raggiungimento d’ulteriori progressi. Sindaco Sboarina: questo nuovo progetto è la dimostrazione che tecnologia e innovazione sono strumenti di crescita economica per il nostro territorio. È importante riscontrare come la progettualità di Veronafiere sia allineata al programma di questa Amministrazione. Trasformazione in Spa della Fiera e diversificazione dei suoi prodotti sono sicuramente la chiave per mantenere il distacco, rispetto ai competitor. Coletto: la tecnologia aumenta il livello d’eccellenza della sanità veneta, che si basa su innovazione, didattica e ricerca, senza contare la gestione corretta delle risorse dedicate. Tutto questo sempre finalizzato ad una migliore assistenza e qualità della vita per i pazienti. Giovanni Mantovani vede in “Innovabiomed” un nuovo e moderno evento, che entrerà a fare parte della grade rosa di manifestazioni, che Verona, con la sua Fiera, sa proporre; un evento, che, per i suoi contenuti, introduce innovazione in Veronafiere stesso. Di grande portata gli interventi dei professori Gino Gerosa e Giampaolo Tortora, che hanno sottolineato, in base alla loro lunga esperienza, riconosciuta a livello mondiale, l’importanza che assume il contatto diretto del chirurgo con il produttore di apparecchiature, in grado di rilevare particolari, creando certezza nell’operatore.
Sin d’ora, è possibile parlare di successo del futuro evento Innovabiomed, dato il ruolo di primo piano, che gioca, a livello internazionale, l’Italia, nelle aree scientifico-tecnologiche, dalla fisica alla meccanica, dalla biologia alla scienza dei materiali, dall’ingegneria clinica all’elettronica, in appoggio a medicina e chirurgia, avendo di mira il meglio per pazienti. www.veronafiere.it, segreteria@innovabiomed.it.
Pierantonio Braggio

Condividi ora!