Ottimi risultati per Cantina di Soave, ai principali concorsi enologici internazionali 2017. Un’abbondante fioritura di premi.

di admin
Si tratta di competizioni molto autorevoli e riconosciute a livello internazionale, tenuto conto anche che le giurie di valutazione sono date da massimi esperti al mondo del settore. Cantina Soave, dunque, ha ottenuto – e siamo solo a metà anno 2017 – i seguenti premi: a) per la selezione d’eccellenza a marchio Rocca Sveva, Amarone…

Cadis, vini rossi della Valpolicella: l’Amarone DOCG 2014 ha conquistato la medaglia d’argento, sia al concorso Mundus Vini, che all’International Wine Challenge, il Ripasso DOC 2015 ha ottenuto la medaglia d’argento.
d) Il Soave Classico DOC 2016, rispettivamente delle linee Duca del Frassino e Villa Rasina, ha ottenuto la medaglia di bronzo, al concorso Decanter, medaglia ribadita, per quanto riguarda il Duca del Frassino, anche dall’International Wine Challenge. e) Ottimi risultati anche per Rocca Alata, proposta in Italia, esclusivamente dall’insegna Esselunga. All’International Wine Challenge, l’Amarone della Valpolicella DOCG 2014 ha vinto la medaglia d’oro ed è stato insignito anche del Trophy, come miglior Amarone in gara: il massimo riconoscimento possibile. f) Lo stesso Amarone ha conquistato la medaglia d’argento al concorso Mundus Vini.
g) Soddisfazioni anche dal Ripasso Valpolicella Rocca Alata DOC 2015, che s’è vista assegnata la medaglia d’oro, al concorso Mundus Vini e la medaglia d’argento all’International Wine Challenge.
 «Questi premi sono particolarmente significativi e gratificanti – afferma Bruno Trentini, Direttore Generale di Cantina di Soave – perché sono trasversali alle nostre molteplici linee di prodotto aziendali e si riconfermano, con grande coerenza, all’interno delle diverse competizioni. Non può certo essere un caso che giurie differenti apprezzino gli stessi vini: ne andiamo molto orgogliosi. Queste prestigiose medaglie, di fatto, premiano Cantina di Soave in toto, quale azienda da sempre impegnata, con successo, nella valorizzazione del territorio e delle sue denominazioni». Leggere notizie, come quelle riportate, costituisce certamente giusto orgoglio per chi le uve ed i vini produce, ma, anche per il Lettore veronese, che si rende conto di quanto impegno e di quanta usata esperienza siano frutto i vini stessi, che se vengono premiati a “Mundus Vini”, dobbiamo sapere che lo vengono dal concorso annuale “Gran Premio Internazionale del Vino”, uno dei più prestigiosi premi enologici al mondo, che si tiene nell’ambito di Prowein, la Fiera internazionale del Vino, Düsseldorf, Germania.
Pierantonio Braggio

Condividi ora!