In funzione la Funicolare di Castel San Pietro, Verona.

di admin
È stata inaugurata il 9 giugno 2017.

Chi desidera vedere Verona, con le sue diverse bellezze, naturali ed artistiche, da varie angolazioni, ha numerose posizioni da scegliere, ma, ora, la più a portata di mano, è data dallo straordinario piazzale di Castel San Pietro. Piazzale molto interessante, anche perché presenta il grande maniero austriaco (1856), oggi, esternamente del tutto rivisto, riordinato e tale da costituire, da solo, nel suo Rundbogenstil, un fattore artisticamente importante ed attraente. Dal pomeriggio di sabato, 9 giugno 2017, favorisce l’ascesa al Castello la rinnovata e tanto attesa Funicolare, che, conduce, appunto, al Piazzale San Pietro, in un minuto, ad un’altezza d’oltre 50 metri, permettendo, fra l’altro, a chi lo desiderasse, d’interrompere l’ascesa, a metà tragitto, per recarsi in visita all’attiguo Museo Archeologico al Teatro Romano. Per scendere, si usa la stessa funivia – c’è anche un ascensore – o, fisicamente potendo, si percorrono le meravigliose, antiche strada o stradicciole, che iniziano dietro al Castello, in direzione Valdònega (a sinistra) o San Giovanni in Valle (a destra). Dopo più di settant’anni, dunque, abbiamo un grande mezzo rapido, che meglio ci aiuterà a conoscere l’antica Verona e che, attivo da fine 1941, fu fermato, a causa della guerra in corso, nel 1944, rimanendo completamente abbandonato. L’impianto del tempo, vedeva funzionare due cabine rettangolari, tinte di verde scuro – il colore degli allora mezzi di trasporto pubblici veronesi – delle quali, mentre una saliva, l’altra scendeva. La funicolare anni Quaranta del Millenovecento, con presenza d’un conduttore per cabina, mirava a favorire gli studenti dell’Accademia di Belle Arti, nel raggiungere la stessa, allora ospitata nel castello asburgico. L’opera-funicolare, finanziata da Fondazione Cariverona ed inaugurata dal sindaco Flavio Tosi, è stata costruita da Leitner S.p.A., Vipiteno, specializzata nel settore e funziona ad una cabina, che può contenere sino a 18 persone. Il biglietto normale, andata e ritorno costa 2.-€, ma sono previste facilitazioni per anziani e gruppi. Non si può scendere a piedi lungo il percorso della funicolare. La restituzione a Verona della funicolare significa non solo maggiore animazione della città e più completa offerta turistica, ma, anche attribuzione di un nuovo, più moderno aspetto alla zona di Santo Stefano, già baciata dallo splendore della Chiesa omonima, dal romano-scaligero Ponte della Pietra, dallo scorrere dell’Adige e dalla straordinaria luminosità di Lungadige San Giorgio. Pierantonio Braggio

Condividi ora!