Alpini: Presidente regione, “li ringraziamo anche con un’organizzazione sanitaria senza precedenti”

di admin
“Gli alpini vegliano su tutti noi con la loro generosità e abnegazione ogniqualvolta ce n’è bisogno. Per una volta li vogliamo ricambiare anche con un’organizzazione sanitaria ‘sul campo’ che non ha precedenti. Speriamo con tutto il cuore di poter rimanere inoperosi, ma in caso di bisogno i medici e gli infermieri della sanità pubblica veneta…

Lo ha sottolineato il Presidente della Regione del Veneto, intervenendo stamattina in Piazza Vittoria a Treviso alla cerimonia dell’Alzabandiera della novantesima edizione dell’Adunata Nazionale degli Alpini, che ha preso ufficialmente il via oggi.

“Ringrazio il Suem 118 per un’organizzazione tanto capillare quanto complessa da mettere in atto, medici, infermieri e tutto il personale dell’Ulss della Marca, gli immancabili volontari che li coadiuvano – aggiunge il Governatore. E’ uno degli abbracci che Treviso e tutto il Veneto stanno dando agli Alpini: la sicurezza della salute”.

“Siamo in campo in forze – dice il Presidente – con 56 mezzi di soccorso con relativi equipaggi, dei quali 36 ambulanze, 4 veicoli di soccorso avanzato, 9 mezzi di supporto e persino 2 biciclette, per arrivare con le prime cure anche in eventuali punti irraggiungibili dai mezzi più grandi. I sette PMA sono in realtà altrettanti ospedali da campo, attrezzati con tutti i medicinali necessari, con strumenti e presìdi medico-chirurgici, con medici e infermieri e organizzati con un’area rossa per affrontare e stabilizzare anche casi gravi e un’area di visita”.

All’organizzazione della Sanità regionale, si affianca un ospedale interamente gestito dall’Ana, dotato di 20 posti letto.

I PMA sono collocati all’ex Pattinodromo, in Piazza Duomo, in Piazza Indipendenza, in Piazza Matteotti, in Via Roma, a Porto Santi Quaranta e in Piazza Vittoria. Il Piano di Assistenza Sanitaria predisposto prvede anche il potenziamento di vari reparti dell’Ospedale Cà Foncello.

Condividi ora!