MARTEDI 28 LUGLIO DALLE ORE 10.00 “GIORNATA DELL’ORTOFRUTTA” IN VENETO.

di admin
Frutta solidale a Venezia, a pezzi e in cocktail a Verona, e direttamente in spiaggia, a Rosolina, per promuovere i pregiati prodotti delle nostre campagne e per fare conoscere l'alto impegno degli Agricoltori.
Produciamo, anzi, i nostri Agricoltori producono frutta ed ortaggi di qualità, le cui caratteristiche non saranno mai abbastanza note, contribuendo così al buon andamento dell’economia nazionale e a creare, al tempo, occupazione. E’ in tale quadro cheColdiretti’ organizza una particolare giornata, dedicata al primato italiano nella produzione di frutta e di verdura. L’evento sarà celebrato ampiamente in tutte le regioni d’Italia, martedì 28 luglio, a partire dalle ore 10.00. Il Veneto agricolo schier tre appuntamenti, per favorire la conoscenza delle eccellenze della produzione ortofrutticola regionale, con il filo conduttore comune, in tutta la penisola, della solidarietà nei confronti delle categorie più deboli: anziani, bisognosi e immigrati.
A Venezia, la frutta diventerà solidale, grazie a ‘Donne Impresa’, che animeranno il Canale della Giudecca, a bordo di una topa – imbarcazione tipica veneziana – in occasione della consegna di quintali di pesche, mele e pere alle mense dei poveri e dei profughi, a mamme e bimbi in difficoltà, fino agli ospiti di Casa Betania.  A Verona, sarà protagonista la “frutta a pezzi e in cocktail”. Infatti, migliaia di chili di pesche saranno servite, fresche, in Piazza Brà. I cittadini potranno consumarle tagliate e pronte, in comode vaschette. Ci sarà, quindi, per tutti, poi, sul Liston, l’appuntamento per un aperitivo fruttato. A Rovigo, la frutta andrà in spiaggia, direttamente sotto gli ombrelloni, per i turisti di Rosolina, che potranno godere del meglio della qualità polesana.
              Un’iniziativa di ampio respiro, quindi, che mira a fare conoscere al cittadino l’ortofrutta essenzialmente locale, con tutte le sue caratteristiche e, al tempo, quanto producono di altamente prezioso i nostri Agricoltori nelle campagne venete, dedicando alle coltivazioni massimo impegno e sacrificio, molto spesso non noti al grande pubblico. Il quale deve anche sapere che tali impegno e sacrificio, purtroppo, non trovano, spesso, il giusto riconoscimento. Il contatto diretto con l’Agricoltura, nei centri citati, a cura di ‘Coldiretti’, cosentirà una maggiore presa di coscienza del consumatore, che potrà, in tal modo, prendere atto della qualità e delle caratteristiche del prodotto agricolo veneto. Consumando il quale, fra l’altro, si dà impulso all’occupazione e si incentivano i giovani a non abbandonare le nostre feconde terre.

Condividi ora!