Campagna di promozione dell’Asparago di Verona – 11^ edizione Nei comuni veronesi aprile e maggio all’insegna delle tipicità del territorio In anteprima nazionale, il grissino all’asparago di Cavaion

di admin
L'Asparago di Verona, prestigioso quanto unico nelle sue caratteristiche organolettiche, è pronto ad inaugurare una nuova stagione enogastronomica. Da aprile fino a giugno questo prodotto torna con un calendario di manifestazioni da Castello a Castello in tutto il comprensorio veronese per l’11^ edizione di “Asparago di Verona, signore in tavola”, che punta a far scoprire…

Tra le prelibatezze lanciate quest’anno, il Gelato all’asparago con gocce di olio d’oliva, realizzato dalla Gelateria Millevoglie: con particolari tecniche artigianali di estrazione del sapore (segreto del maestro gelataio Giorgio), ed ingredienti atti a conferire dolcezza e cremosità si ottiene questo originale gelato. E ancora novità assoluta del 2013 il Grissino all’asparago, creato dal panificio Messetti di Cavaion: avvolto dalla soppressa veneta affinata nell’Amarone, una specialità che unisce due prodotti unici di questa terra.
Tutte le informazioni, il calendario degli appuntamenti, i menù dei ristoranti, le ricette sono disponibili sul www.asparagodiverona.it al quale è stato affiancato il profilo
facebook /dallaterraallatavola per i vostri “Mi piace”.
Camera di Commercio, Confcommercio, Le Strade del vino, del Soave, della Valpolicella, Terradeiforti, Lessini Durello, l’Aipo, Coldiretti, Il Dop del Garda, la Strada del riso, la Provincia, La Regione e i Comuni di Arcole, Rivoli, Cavaion, Salizzole e Pastrengo collaborano per creare appuntamenti che mettano insieme la storia e la tradizione dell’asparago all’esplorazione dei possenti tesori della provincia scaligera. L’elogio dell’asparago avverrà non solo attraverso i mercati di tradizione tenuti dai produttori, ma anche sulle tavole dei 30 ristoranti situati tra Lago di Garda, Est veronese, Valpolicella, Collina Gardesana, Lessinia e Pianura dei Dogi che allieteranno gli ospiti con piatti preparati con il freschissimo asparago.

Presidente – Miozzi: “Il lavoro e l’impegno della Provincia, che si è concluso con la creazione di un marchio provinciale da associare ai prodotti tipici, dimostra che è possibile fare sistema tra istituzioni e produttori per portare le specialità del territorio veronese in tutto il mondo. E’ infatti decisivo il tema dell’internazionalizzazione dei nostri prodotti che, entrando in mercati sempre più globali, consentono visibilità alle aziende locali attraverso la diffusione nelle nostre eccellenze. L’auspicio di tutti è che questa rete possa diventare sempre più vasta e sempre più in grado di essere vetrina della nostra terra”.

Assessore – Frigotto: “La visibilità di questa manifestazione, ormai giunta all’11^ edizione, ha raggiunto livelli elevati anche grazie alle tante sinergie sviluppate con la Camera di Commercio e con i Consorzi. La produzione di asparago, presente in venti comuni, ha raggiunto i 20.000 quintali annui; il comparto, nonostante la crisi, è in salute e questo obiettivo è stato raggiunto grazie al lavoro incessante degli agricoltori. L’asparago è un prodotto salutistico e la sua importanza nutrizionale è determinata dalla ricchezza di sostanze protettive e stimolanti le diverse funzioni dell’organismo. Il marchio della Provincia e la specifica delle aziende produttrici su ogni mazzetto di asparago confezionato è, infine, sinonimo di serietà”.
Confcommercio Baldo Garda – Rama: “Caratteristica dell’asparago è la sua periodicità e ogni anno ci affacciamo alla nuova stagione proponendo ricette accattivanti: in anteprima nazionale oggi presentiamo il grissino all’asparago. La nuova creazione, abbinata alla soppressa e al Soave, chiude un cerchio che dalla Bassa Veronese porta fino a Macesine di Castello in Castello. Questa continua ricerca che ci porta ad accostare i vari alimenti consente di arricchire la nostra buona gastronomia con nuovi abbinamenti vincenti”.
Consorzio Valorizzazione Asparago – Bedendo: “Come consorzio portiamo avanti questo importante progetto ormai da una decina d’anni. L’iniziativa punta a costruire una cassa di risonanza per l’asparago anche oltre i confini italiani ed è merito di tutti se questo obiettivo viene ogni anno raggiunto. Punto di forza della nostra gestione è quello di fornire il 30% del prodotto alla consumazione giornaliera e ciò fa sì che freschezza e genuinità dell’asparago siano praticamente intatte”.

Condividi ora!