Giunta comunale esprime parere favorevole a studio di impatto ambientale

di admin
Nell’ambito della procedura di Valutazione d’Impatto Ambientale (VIA) del Piano di riqualificazione delle ex Cartiere, la Giunta comunale ha espresso parere favorevole, licenziando la delibera per il Consiglio comunale, allo Studio di Impatto Ambientale (SIA) presentato dalla Società Verona Porta Sud, relativamente alle opere di urbanizzazione e all’edificio polifunzionale.

“Dopo l’approvazione da parte del Consiglio comunale – ha spiegato il vicesindaco e assessore all’Urbanistica Vito Giacino – l’Amministrazione comunale procederà alla firma della  convenzione,  che consentirà al privato, nell’arco di un mese, di dare il via ai lavori. La prima fase del progetto prevede la realizzazione del centro polifunzionale e del parco di 40 mila metri quadri, 25 mila di proprietà privata e 15 mila di proprietà pubblica, che sarà totalmente fruibile dai cittadini e mantenuto interamente a spese del privato. Sempre nella prima fase di lavori rientreranno gli interventi di riqualificazione di alcuni nodi della viabilità a livello urbano esterni al comparto di Verona sud  che, con grande soddisfazione dell’Amministrazione comunale – ha sottolineato Giacino – sono stati esclusi dalla procedura di VIA, in considerazione dell’evidente miglioramento che apporteranno alla circolazione urbana, in particolare nel nodo di Breccia Cappuccini. Il progetto prevede inoltre che nell’edificio recuperato dalla vecchia struttura delle Cartiere venga realizzata un’esposizione permanente dei più importanti progetti di trasformazione urbanistica, che cambieranno il volto della città”. Per quel che riguarda invece il progetto delle due torri, il vicesindaco ha reso noto che “la società Verona Porta sud ha ritenuto di rimandare ad un successivo momento la presentazione della domanda inerente la realizzazione del centro direzionale”. “Per tutta la durata del cantiere, e anche nelle fasi successive alla realizzazione dell’intervento – ha concluso Giacino –  sarà effettuato con Arpav un monitoraggio delle matrici ambientali (acqua, aria, suolo, sottosuolo ed agenti fisici) in tutte le aree interessate dal progetto. È prevista inoltre la realizzazione di pannelli solari termici e l’ipotesi di una centrale di trigenerazione, interventi che rientrano in un’ottica di attenzione al risparmio energetico e alla tutela dell’ambiente”.

Condividi ora!