Apre il mercato settimanale

di admin
Concluso l’iter burocratico, sarà inaugurato dall’amministrazione comunale il 13 novembre a Pradelle, in piazza della Repubblica.

I posteggi sono stati assegnati a costi molto bassi, per agevolare l’avvio dell’iniziativa.
L’iter burocratico per ottenere l’autorizzazione all’apertura del mercato settimanale si è concluso.
Ogni sabato, a Pradelle, in piazza della Repubblica, a partire dal 13 novembre, sarà possibile acquistare prodotti alimentari e per la casa, passeggiando tra i venti posteggi, ripartiti in base a specifiche categorie. Il 13 l’amministrazione comunale sarà presente per l’inaugurazione ufficiale.
Quattro posteggi saranno dedicati al settore alimentare; sei a quello non alimentare; uno alla pelletteria, con calzature e borse; uno ai prodotti per la casa, quindi biancheria, tendaggi e tessuti; uno ai prodotti per la pulizia della casa e dell’igiene personale, dai detersivi ai profumi; uno riservato ai casalinghi, con vasellame, pentole, piatti e bicchieri; sei posteggi, infine, saranno assegnati ai produttori agricoli della zona.
 
«Offriamo un nuovo e sicuramente necessario servizio alla comunità – spiega il sindaco Luca Trentini –. Ne beneficeranno i residenti e anche i cittadini del territorio circostante. Lo spazio in piazza della Repubblica sarà messo a disposizione a costo molto basso, proprio per agevolare la partenza di questo servizio chiesto dai cittadini stessi. È un’ottima iniziativa per il paese, che permetterà di evitare le trasferte per fare spesa. L’idea ha ricevuto anche il plauso delle associazioni di categoria maggiormente rappresentative, in particolare quello di Confcommercio. La scelta del sabato, inoltre, non è casuale: nell’arco della settimana la piazza è molto utilizzata, vista la vicinanza con scuole, attività economiche e banche. Il mercato occuperebbe, quindi, uno spazio utile a chi cerca parcheggio, mentre al sabato serve solo le scuole e può essere anche un incentivo, per chi si reca a prendere i bambini, per fare quattro passi tra le bancarelle».

Condividi ora!