Prusst: posata prima pietra lotto 4 “Il borgo”

di admin
Ha preso il via venerdì 5 novembre la riqualificazione di Verona Sud con l'apertura del primo cantiere del Prusst che porterà alla realizzazione di circa 80 appartamenti, 40 dei quali venduti alle quotazioni agevolate concordate con il Comune di Verona, per rispondere alle esigenze abitative delle fasce più deboli della popolazione.

Alla posa della prima pietra hanno partecipato il Sindaco di Verona Flavio Tosi, il vice sindaco Vito Giacino, l’assessore all’Edilizia privata Alessandro Montagna, il presidente della 5ª Circoscrizione Fabio Venturi, l’assessore regionale Massimo Giorgetti ed il costruttore dell’edificio, Andrea Marani. Presenti anche gli assessori Alberto Benetti, Marco Padovani e Stefano Bertacco. La corte, situata in viale dell’Industria, ospiterà oltre agli appartamenti anche una decina di negozi, spazi direzionali e sale comuni riservate ai residenti, per un totale di 29 mila metri di cubatura e di 2 mila metri quadrati di parco. “E’ una grande soddisfazione veder partire un cantiere, in particolare in un periodo di crisi economica come quello attuale – ha detto Tosi – in questo caso poi si tratta oltretutto di una sfida di grande qualità, che trasformerà radicalmente il volto di questa zona della città creando le abitazioni, le attività economiche e gli spazi verdi necessari alla vivibilità del quartiere.” “E’ significativo che, in questo momento di crisi, anche il settore privato investa per la ripresa dell’economia – ha aggiunto l’assessore all’urbanistica e vice Sindaco, Vito Giacino – dopo aver sbloccato questo intervento, ora, parte l’iter per le numerose richieste relative al resto di Verona Sud come le ex Officine Adige, la Manifattura Tabacchi, l’ex Autogerma”. “Un intervento coraggioso, anche perché completamente privato – ha spiegato l’assessore all’edilizia privata Alessandro Montagna – per il quale i nostri uffici si sono impegnati ad assegnare in tempi record il permesso per costruire, data l’importanza di una iniziativa che dà il via alla riqualificazione di Verona Sud, un autentico biglietto da visita della città”. Soddisfatto anche il costruttore Andrea Marani che ha sottolineato che “l’iter burocratico, assai lungo, per l’ottenimento della licenza edilizia, ora è diventato realtà e la responsabilità passa quindi dai politici agli imprenditori. L’impresa Marani metterà il massimo impegno per una conclusione celere dei lavori riguardanti il lotto di sua competenza”. Il Borgo è progettato con innovative modalità di costruzione: l’edificio è realizzato con strutture antisismiche ed è certificato in classe B per il risparmio energetico e altre caratteristiche all’avanguardia . La residenza è stata progettata all’insegna del risparmio energetico e della bio-sostenibilità: si tratta dunque di un intervento che risponde alle esigenze abitative della popolazione, impattando in modo contenuto sull’ambiente moderno. La centrale termica, assieme ai pannelli fotovoltaici e alla tecnologia costruttiva di Casa Clima (certificazione in classe B) consente una drastica riduzione delle emissioni nell’atmosfera e un forte risparmio per il residente. Il consumo di energia previsto, infatti, è inferiore di oltre il 10% rispetto agli standard normativi attuali. Il Borgo si affaccia esternamente su un parco pubblico di più di cinque ettari ed ha due piani interrati dedicati a cantine e garage, oltre a parcheggi esterni alberati. Sarà inoltre presente un ampio spazio verde attrezzato all’interno del cortile dedicato all’intrattenimento dei bambini e altre sale destinate all’aggregazione, al deposito delle biciclette ma anche camminamenti coperti. Il complesso edilizio prevede anche l’inserimento di superfici commerciali, servizi e studi professionali.

Condividi ora!