Incendio all’azienda chimica Kemoxide, Negarine di San Pietro in Cariano

di admin
Assessore Venturi: “Non c'è stata combustione di plastica e quindi escluso il pericolo diossina. Nessun allarme né fumi tossici”.

Nella notte si è sviluppato un incendio di vaste proporzioni nello stabilimento Kemoxide a Negarine di San Pietro in Cariano. L’impianto sulla statale del Brennero è andato distrutto e i Vigili del Fuoco nella mattinata erano ancora al lavoro.
Assessore all’Ambiente Fabio Venturi: “La principale informazione che voglio dare ai cittadini è che non è stata bruciata plastica, la cui combustione genera diossina. Nell’incendio di stanotte è invece bruciata solo gomma che produce un cattivo odore, ma per fortuna nessun allarme. Intendo pertanto tranquillizzare i veronesi perché non c’è nessun motivo di preoccupazione né di allarme: le analisi già fatte dall’Arpav escludono infatti la presenza di sostanze nocive e tossiche nei fumi, tantomeno di diossina. Resta il fastidio del cattivo odore e del fumo che, date le vaste proporzioni dell’incendio, si sono propagati in tutta la città. Ribadisco però che non ci sono pericoli per la salute pubblica e le indicazioni dell’Ulss di tenere per oggi i bambini all’interno delle scuole è stata data solo in via precauzionale. L’Arpav sta continuando a prelevare campioni da analizzare e i Vigili del Fuoco sono ancora al lavoro. Tutto questo mi consente di dare una seconda notizia positiva, e cioè che nelle emergenze le istituzioni veronesi  sanno intervenire con celerità ed efficienza. Ringrazio di cuore i Vigili del fuoco e l’Arpav che ci permettono di stare tranquilli con le loro tempestive azioni”.

Condividi ora!